Aggiornato alle 0:42 - 25/04/2019
Direttore testata online: Peter Gomez

Il fatto quotidiano

Di Maio: “Qui si parla anche di mafia, Siri lasci
C’è differenza tra garantismo e paraculismo”

Per il M5s “c’è una bella differenza tra garantismo” e “paraculismo“. Se si parla di “un’inchiesta dove ci sono di mezzo dei mafiosi“, una persona deve lasciare. “Se non lascia, lo accompagniamo noi fuori dalla porta. Senza aspettare i magistrati”. Di Maio interviene nuovamente sul caso che riguarda Armando Siri, ribadendo e rafforzando la posizione del M5s sul sottosegretario leghista indagato per corruzione. Mentre la Lega ancora difende il collega di partito, sarà il presidente del Consiglio a decidere sulle dimissioni: “Ascolterò Siri, lo guarderò negli occhi e prenderò le mie decisioni”. “Siamo in un Paese civile dove non si è colpevoli o innocenti in base a un’occhiata“, ha risposto Matteo Salvini

di F. Q.

La voce di Fantozzi, su Loft il doc sul genio
di Paolo Villaggio con materiale inedito

‘Dopo l’aneurisma sono rinato
con il triciclo: e adesso sono
anche campione del mondo’

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×