MATTANZA: le stragi del '92 come non ve le hanno mai raccontate
Il Fatto Quotidiano

MATTANZA: le stragi del '92 come non ve le hanno mai raccontate

Un podcast di Giuseppe Pipitone
scritto con Marco Colombo

Trent’anni dopo su Capaci e via d’Amelio crediamo di sapere tutto:
esecutori, mandanti e moventi. Ma è davvero così?

Tutti i misteri irrisolti degli attentati a Falcone e Borsellino.
Quando la storia d’Italia è cambiata per sempre.

Un podcast in 8 puntate con interviste esclusive
e testimonianze inedite.

DISPONIBILE SU:
mattanza
Trent’anni dalla strage di Capaci, cerimonie o verità? Segui la diretta con Claudio Fava e Giuseppe Pipitone
Di F. Q.
mattanza
Capaci, l’ex pg di Palermo Scarpinato: “In un documento ufficiale del 1992 si parla del coinvolgimento di Delle Chiaie nella strage”
Di Marco Lillo
Mattanza e le stragi del 92,
tutti gli articoli »
Giuseppe Pipitone
Giuseppe Pipitone
Giornalista
Siciliano di mare aperto, caposervizio de ilfattoquotidiano.it. Si occupa di politica, di giustizia e di mafie. A volte le tre cose coincidono. Ha scritto Il caso De Mauro (Editori Riuniti).
Marco Colombo
Marco Colombo
Sceneggiatore e autore
Collabora con Netflix in qualità di Script reader. Nel 2021 ha vinto il Premio Solinas Experimenta serie e il Premio Carlo Bixio per la Migliore sceneggiatura.
COORDINAMENTO EDITORIALE
ALESSANDRO MADRON
Post produzione audio
Simone Lanza per Glos
Produzione esecutiva
Fabrizio Giardina Papa
Contributi d'archivio
Radio Radicale e Teche Rai
Mattanza è una ricostruzione giornalistica basata su testimonianze raccolte dagli autori, sul contenuto dì provvedimenti giudiziari e di informative redatte dalla polizia giudiziaria, contenute nei fascicoli di indagine, nonché sulle dichiarazioni rese da testimoni e parti, nell’ambito di procedimenti penali. Tale materiale di carattere documentale e dichiarativo, e di conseguenza i fatti e le opinioni ivi descritti, dovrà essere verificato nel contraddittorio tra le parti, nelle sedi giudiziarie deputate. Pertanto, tutte le persone citate, nel presente lavoro, devono essere considerate innocenti fino a che la loro eventuale responsabilità penale sia accertata da una sentenza definitiva, passata in giudicato.