/ di

Diego Pretini Diego Pretini

Diego Pretini

Giornalista

Il primo articolo su un giornale a 16 anni ma sotto falso nome. Argomenti: di ogni, tranne l’economia. Medicina: il mare (anche nel senso di lungomare), la montagna d’inverno. Radio: quelle che quelli bravi chiamano up-rythm e Radio24. Spotify: frittatone, tutto tutto tutto tranne l’heavy. Tv: tra abbastanza e tanta, comunque con grande lavoro di selezione. Sport: in tv, tutti, con predilezione per gli olimpici.

Blog di Diego Pretini

Politica - 6 Giugno 2019

Su Csm e Lotti, Zingaretti tace. Il nuovo corso del Pd non è ancora arrivato

L’ex presidente del Consiglio Matteo Renzi ha l’abitudine di dispensare consigli su come ci si comporta correttamente nelle istituzioni e di indicare le figuracce dei suoi successori. Non ha niente da insegnare, invece, né da ridire su come si comportava nelle istituzioni Luca Lotti, suo sottosegretario a Palazzo Chigi, oltre che storico braccio destro. Anzi, […]
Media & Regime - 12 Maggio 2019

Salone del Libro, l’antifascismo per il consigliere Rai non ha senso. Il M5s ‘antifà’ cosa ne pensa?

Il fascismo non tornerà. Resterà il trastullo di qualche smandrappato che fa il saluto romano tra qualche torcia, a Predappio o alla rotatoria di piazzale Loreto. Il fascismo non tornerà. Lo dice il più grande storico vivente del fascismo, Emilio Gentile, in un libro (Chi è fascista, Laterza) che si spera non finisca strumentalizzato nella lotta […]
Politica - 24 Gennaio 2019

Il Pd si infuria sulla corruzione. Ma dimentica che è una battaglia di sinistra

Per una tangente in Italia si seppelliscono rifiuti tossici sotto terra, si costruisce in riva al mare, si tirano su scuole che rischiano di crollare, si fanno vincere concorsi a cittadini che non hanno merito, si fa la cresta sul prezzo per i funerali di chi muore all’ospedale, si aiutano gli evasori fiscali, si fanno […]
Politica - 22 Gennaio 2019

Franco Cfa, così il governo risponde ai morti cambiando argomento

L’ipocrisia spinse il sedicente centrosinistra – per illudersi di salvare i suoi poveri resti alle elezioni – a dare carta bianca al ministro dell’Interno Marco Minniti, un ex comunista, perché attraverso le tribù della Libia facesse calare gli sbarchi. Così si coprì gli occhi davanti al prezzo da pagare: i campi di concentramento in Libia. […]
Politica - 29 Settembre 2018

Il governo del popolo dimentica la ‘casa del popolo’: il Parlamento non lavora

È stato detto che la democrazia è la peggior forma di governo, eccezion fatta per tutte quelle forme che si sono sperimentate fino ad ora, e questo lo disse chi conquistò il suo popolo non avendo altro da offrire se non sangue, fatica, lacrime e sudore. Chi invece offre più soldi e meno neri, come Giancarlo […]
Diritti - 30 Luglio 2018

Razzismo, come Giuseppe Conte può mantenere quella promessa fatta in Senato

Una frase del primo discorso del presidente del Consiglio Giuseppe Conte davanti al Senato per chiedere la fiducia lasciò sbigottiti per il solo fatto di essere stata pronunciata: “Non siamo e non saremo razzisti”, precisò a un certo punto il capo del governo. Sentire risuonare in Parlamento una “promessa” del genere nel 2018, a settant’anni […]
Diritti - 12 Giugno 2018

Aquarius, Nogarin rinuncia a ciò che Livorno ha nel dna: accogliere chi viene respinto

Se Livorno esiste, lo deve al fatto che la trasformarono nella città di tutti, anche degli indesiderati, dei reietti, lo deve alle leggi che portano il suo nome dal suono un po’ fanciullesco (“Livornine”) che più di 400 anni fa portarono lì “mercanti di qualsivoglia Nazione”, anche quelli che nessuno voleva, che gli altri respingevano. […]
Media & Regime - 9 Aprile 2018

Jacopo Iacoboni respinto a Ivrea, il M5s e il disagio della libertà

Per il principale partito italiano, ora che è grande nelle dimensioni e nell’età e non sempre nella maturità, è arrivato il momento di curare questo male che si porta dietro nonostante il passare degli anni, cioè il disagio per la libertà. Lasciare fuori da una manifestazione politica anche uno solo dei giornalisti che si sono […]
Politica - 8 Febbraio 2018

Quando i fascisti sparano lo Stato scompare

La prima risposta dello Stato italiano all’agguato armato fascista di Macerata è stata visitare i feriti solo dopo 4 giorni, rappresentato dal ministro della Giustizia. La seconda è stata chiedere all’Associazione dei partigiani e ad altre associazioni di non manifestare contro l’espressione più fascista che ci possa essere: l’esplosione di violenza contro il diverso. La […]
Politica - 5 Febbraio 2018

Quando i politici non sanno quello che fanno (ma sono convinti di sì)

Il senso di sé, oltre che della misura, della classe politica che di tanto in tanto si autoproclama nuova è consegnato anche dai simboli. E non solo il nuovo corso non rinuncia a mettere in mostra i tic di quello vecchio, ma in certi casi ne acuisce i vizi. Finché tutto si confonde e partiti […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×