FQ MAgazine

Festival di Berlino 2018, follia che passione. C’è anche Unsane il thriller di Steven Soderbergh girato con l’iPhone

Oltre all'opera del regista di Traffiic in concorso ci sono la commedia nera iraniana Khook (“Maiale”) di Mani Haghighi e il lunghissimo Mein Bruder heiBt Robert und ist ein Idiot (“Mio fratello si chiama Robert ed è un idiota”) firmato da Philip Groening

Bafta 2018, tutte in nero contro le molestie ma Kate Middleton no

Il dress code della 71esima edizione dei Bafta, i cosiddetti Oscar del cinema britannico, prevedeva il nero in solidarietà alle vittime di #MeToo e Time’sUp, come accaduto alla recente cerimonia di premiazione dei Golden Globes. Ma perché la principessa non ha aderito?

A casa tutti bene, un caravanserraglio di topoi mucciniani privi di anima e di pathos

Sarà che il sovraffollamento del set rischia di procurare più disorientamento che eterogeneità nel racconto, sarà che il tempo a disposizione per andare in profondità alle singole psicologie è matematicamente risicatissimo (venti personaggi per centocinque minuti di durata, cinque minuti e qualcosa a testa, e tutti devono sempre stare dentro l’inquadratura), ma il film fatica a farsi leggere come un travolgente affresco di un dramma familiare e sentimentale.

Festival di Berlino 2018, Joaquin Phoenix recita per Gus Van Sant. Ma associazione disabili protesta perché non è un attore tetraplegico

Biopic sul vignettista John Callahan. Don’t Worry, He Won’t Get Far On Foot riporta oggi Hollywood alla Berlinale, con due per così dire “pezzi da 90” che non necessitano presentazioni. Ed è stata una bella sorpresa vedere il “divo” Phoenix, solitamente reticente alle conferenze stampa e apparizioni festivaliere, essere particolarmente in forma e ben disposto

Festival di Berlino 2018, apre Wes Anderson con il cartone animato Isle of Dogs: super cast di attori

Con un tradizionale cartellone ricchissimo (quasi 500 i titoli in programma da oggi al 24 febbraio, di cui 19 in concorso) la 68ma Berlinale è la penultima edizione diretta da Dieter Kosslick e offre  quest’anno diverse “punte di diamante” di interesse trasversale tra pubblico e cinefilia pura: da Steven Soderbergh a Gus Van Sant, da Lav Diaz a Benoit Jacquot, da Alexej German Jr a Christian Petzold ma anche star come Joaquim Phoenix, Robert Pattinson, Isabelle Huppert, Mia Wasikowska, Rosamunk Pike, Rupert Everett

Guillermo Del Toro presidente della Mostra di Venezia, prima però la corsa verso gli Oscar

La carriera del regista è garanzia di qualità e creatività. A guardarlo da vicino nel coccolare quel Leone d’Oro vinto pochi mesi fa al Lido era come vedere un bambino estasiato da un nuovo e amato giocattolo. Il rapporto empatico che intrattiene con le storie e i personaggi dei suoi film suscita un sentimento di umana sincerità da far commuovere

Ore 15:17 Attacco al treno, i critici integralisti al contrario sappiano che il film di Clint Eastwood è bellissimo

Come ha recentemente fatto con American Sniper e Sully, Eastwood rielabora con puntuale e acuto mimetismo realistico le biografie di classici “uomini qualunque” che compiono gesti eccezionali. Nel film si seguono le gesta eroiche di Spencer Stone, Alek Skarlatos, Anthony Sadler, tre giovani americani, chi con esperienze da militare in guerra e chi no, che nel pomeriggio del 21 agosto 2015 sventarono il tentato attacco terroristico sul treno Thyalis 9364, Amsterdam-Parigi.

Rapinatore si pente e restituisce prezioso violoncello del valore di 1 milione e 300mila euro

Storia al lieto fine, dunque, per la musicista francese Ophélie Gaillard, 43 anni, rivelazione solista nell’edizione 2003 delle Victoires de la Musique, la più importante rassegna musicale francese, che non si rassegnava ad aver perduto il suo strumento, costruito nel 1737 dal liutaio italiano Francesco Goffriller

MasterChef 7, scoppia la pace e infatti ne sbattono a casa tre. L’Alta Corte dei social esulta per l’espulsione di Ludovica “la colpevole”

Quella della più giovane, iperlacrimosa, è solo la prima di una serie di eliminazione. Non c'è più quel clima da Chicago anni Trenta, ma resta il ritmo di espulsioni da programma del Carroccio. Al pressure vanno i 4 "senza pali", cioè senza palle (lo dice Bastianich). Ah, Antonino il macellaio continua a vincerle tutte: poi non dite che non vi abbiamo avvertito

Pupi Avati, il j’accuse del regista: “Confermo dimissioni da commissione ministeriale. È colpa anche del Fattoquotidiano.it”

Il regista puta il dito contro gli articoli in cui si sottolineava l'età molta alta dei componenti scelti dal ministro Franceschini: "Quando avrà la mia età, le auguro di arrivarci, si diventa vulnerabili a tutto. La sua obiezione l’ho colta al volo. La mia presunta inadeguatezza perché sono vecchio è servita come pretesto per andarmene”

Mattino 5, ancora aria di tensione tra Federica Panicucci e Francesco Vecchi. E Tiberio Timperi tira una frecciata

Clima non proprio disteso tra i due. La questione ha tenuto banco per giorni nel settore televisivo. Sonia Bruganelli, moglie di Paolo Bonolis e curatrice dei casting di tutte le trasmissioni del marito con la Sdl 2005, ha definito la conduttrice una “barbie over incazzatissima”
×

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×