/ di

Ivo Mej Ivo Mej

Ivo Mej

Giornalista e autore tv

Ivo Mej, un nome che nessuno capisce al telefono. Quando lo capiscono, mi chiedono se sia uno pseudonimo. No, è il mio nome vero, datomi da simpatici genitori non più di questo mondo, nell’ormai lungi 1961. Da piccolo dicevo che volevo diventare giornalista o Presidente della Repubblica. La prima cosa mi è riuscita, ma ancora non escludo la seconda.
Ho scritto alcuni libri (un paio li trovate su Ilmiolibro.it) ma pubblicati seriamente soltanto due: Le nuove Mille e una notte (sì, lo so, è omonimo del libro di R.L.Stevenson, ma non è colpa mia) e Moro rapito! sviluppato da una tesi sul linguaggio dei media il 16 marzo 1978, fatta per il Diploma del Centro Sperimentale di Cinematografia, una delle più belle esperienze della mia vita.
Da più di trent’anni lavoro in televisione, dove ho ricoperto ogni ruolo, a parte il cavalletto e l’obiettivo. Giornalista professionista dal 1988, ho all’attivo RaiUno, TMC, Stream, Euronews, La7 e Teletuscolo (la prima esperienza, riprendendo il mago Otelma).
Ho intervistato praticamente ogni cantante in classifica tra gli ’80 e i ’90 e scritto dozzine di recensioni cinematografiche.
Appassionato di tecnologia e di nuove idee, ho creato e condotto diversi programmi del ramo: Altromondo (primo e unico campionato nazionale tv di videogiochi), 5’ nel futuro, Cose dell’altromondo, Futurshow, Ars Electronica, Innovation. Se mi avessero dato retta oggi La7 trasmetterebbe gli interventi del TED.
Ho inventato rubriche inconsuete come ‘Lapidi’, ‘La Corriera della Sera’, ‘Circonferenze stampa’.
Attualmente su La7 curo il programma quotidiano di politica ‘Coffee Break’ nel quale ho realizzato la rubrica ‘I MEJo del Parlamento’: si sa, il personalismo è tipico di noi giornalisti.

Blog di Ivo Mej

Politica - 30 Maggio 2019

Di Maio contro Di Maio, una foglia di fico per un Movimento ancora vivo

Oggi si vota la fiducia a Di Maio, firmato Di Maio. E’ forse in questo titolo apparso sul Blog delle Stelle che si esaurisce ogni possibile speranza di redenzione per il “capo politico” di un Movimento nato plurale e che si ritrova oggi non solo singolarissimo, ma addirittura autoreferenziale in terza persona. “Hanno detto di […]
Politica - 7 Maggio 2019

Il M5S tra poco sparirà per fare spazio a un nuovo partito. Scommettiamo?

Se esistesse una lotteria per giocare sul futuro cambiamento del Movimento 5 Stelle, punterei tutto sulla nascita del PDDM, il Partito di Di Maio. La mia certezza di vincere è avvalorata dalla mia partecipazione all’assemblea regionale del M5S svoltasi domenica 5 maggio all’auditorium del Seraphicum. Circa 300 tra delegati, eletti e iscritti (come il sottoscritto) […]
Cinema - 12 Aprile 2019

La caduta dell’impero americano, Denys Arcand ci ricorda che siamo pazzi. E che il denaro ci distrugge

Chi sono i buoni, chi sono i cattivi nella nostra società? Rubare dei soldi ai criminali è un reato? Per la legge materiale sì, ma per la legge morale kantiana lo è davvero? E sono più immorali per la società i grandi evasori fiscali o i poveri cristi che stentano a mettere insieme il pranzo […]
Ambiente & Veleni - 22 Marzo 2019

Consiglieri di Roma, ascoltate il mio appello: fermate il progetto del nuovo stadio!

Cari Consiglieri capitolini, vi scrivo rammaricandomi di non essere là con voi a condividere questo momento difficile per il Movimento romano. La paradossale vicenda che coinvolge tristemente Marcello De Vito ha portato alla luce la peggiore delle preoccupazioni che possa turbare i sonni di un amministratore: quella di dare il benestare a un’opera gigantesca che […]
Media & Regime - 5 Marzo 2019

Ho visitato una mostra sui manifesti dell’avanguardia e ho capito l’arte della politica

Oggi si ha la sensazione che la politica venga fatta soprattutto dagli annunci mediatici e dai post sui social network. Il contenuto è zero, la presa sull’opinione pubblica enorme. Una mostra in questi giorni a Roma, dedicata ai manifesti delle avanguardie artistiche del ‘900 (Manifesto, di Julian Rosenfeldt) mi ha dato l’idea di mettere in […]
Società - 16 Febbraio 2019

‘L’Italia è prossima alla rovina morale’. Ma sarà vero?

Essere italiani oggi non è facile. Leggere i titoli dei nostri giornali, giornaloni e giornaletti farebbe accapponare la pelle perfino a Vlad III di Valacchia. “Litigare con Francia e Bankitalia affossa l’Italia a crescita zero”; “Pil dell’Italia a crescita zero nel 2019”; “L’Italia resta ai margini nella vicenda Venezuela”; “Chi pagherà i navigator?”; “In 100mila senza […]
Società - 14 Dicembre 2018

I social ci cambiano. A chi mi chiede un like dico: io mi vergognerei

I social network hanno cambiato la nostra vita, è un fatto indiscutibile. Meno evidente ai più è il fatto che gli stessi hanno cambiato anche la nostra mente, il nostro approccio alla realtà fisica e alla nostra stessa sfera privata. Questo è accaduto e accade prevalentemente a causa di tre fattori fondamentali: 1. l’incomprensibilità della […]
Televisione - 30 Novembre 2018

La Tv delle Ragazze stanche. Una satira vecchia per masse rincoglionite

Stati generali dell’arroganza, tv delle ragazze stanche e avvizzite. Non si capisce perché Rai3, fresca la riconferma del bravo direttore Coletta, abbia dedicato la prime serate del giovedì a un progetto stantio che si conferma concepito per l’ottuagenarietà del pubblico televisivo senza alcuna speranza di attrarre altre generazioni. Il solito birignao di Serena Dandini che […]
Media & Regime - 16 Novembre 2018

Pugni e pugnette, quando l’indignazione maschera la paura del cambiamento

Guardo e riguardo il famigerato video di Danilo Toninelli che brandisce il pugno in segno di vittoria dopo l’approvazione del decreto per Genova e diventa irresistibile la tentazione di esplodere in un liberatorio “vaffa” all’indirizzo di tutti quelli che hanno stigmatizzato il gesto come offensivo. “Pugno chiuso sulle macerie di Genova” (Huffington), “Il pugno di […]
Società - 29 Ottobre 2018

L’Ama non m’ama. Piccola storia triste

È facile lamentarsi che a Roma le cose non vanno bene. Che le buche sono Fosse delle Marianne. Che ci sono intere strade iscritte d’uffico al Camel Trophy (in una di queste abita – tra gli altri – il deputato a 5 stelle Carelli). Che la sporcizia dilaga e i topi crapulano attorno a Castel […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×