Ambiente & Veleni - 26 Novembre 2021

Acque più calde, meno cibo e “stress” riproduttivo: così il riscaldamento globale spinge l’albatros al “divorzio”

La spiegazione di Francesco Ventura, ricercatore italiano e co-autore dello studio che dal 2003 ha esaminato 15.500 coppie nidificanti di albatri dal sopracciglio nero che si riproducono a New Island, nelle Falkland: “In anni più difficili gli animali pagano un costo di riproduzione più alto. Occorre più tempo per riacquistare energia durante l’inverno e possono arrivare tardi sulla terraferma per la stagione riproduttiva successiva. In secondo luogo i membri della coppia si stressano di più, inducendo la femmina a ritenere il maschio incapace di portare al successo la riproduzione”

Di Luisiana Gaita