Aggiornato alle 21:19 - 18/02/2018
Direttore testata online: Peter Gomez

Il fatto quotidiano

Novecento euro per un farmaco che ne costa 80
Roche-Novartis, l’accusa dei pm contro il ‘cartello’

Questa è la storia dell’uso di una molecola – il bevacizumav – che ha portato i due colossi farmaceutici Roche e Novartis prima a risarcire le casse pubbliche per un danno da 180 milioni di euro. E poi i loro rappresentanti legali a essere indagati. La stessa molecola, secondo le accuse, veniva utilizzata nei due diversi farmaci, perfettamente sovrapponibili – l’Avastin della Roche e il Lucentis della Novartis – a prezzi enormemente diversi. Le due multinazionali avrebbero spinto l’Aifa a scegliere quello più costoso. Un affare enorme, poiché la maculopatia colpisce un anziano su tre sopra i 70 anni

di Antonio Massari e Valeria Pacelli

Boschi, l’intreccio tra banche-politica
pure a Bolzano. Azionisti Sparkasse
“Nella nostra città una piccola Etruria”

Biotecnologa a Edimburgo
“Hai un contratto di 3 anni?
Qui un mutuo te lo danno”

Diritti dei cittadini, l’Italia è al 20° posto
in Occidente. Fanno peggio solo 4 Paesi

•Ricerca di una fondazione americana: nel mondo al 31° posto

Balle spaziali, la finta lotta all’evasione e
ai clandestini, con Silvio “rincoglionito”
Marco Travaglio svela 3 nuove menzogne

Bologna, migliaia contro Forza Nuova
Polizia carica gli antifascisti. Usati idranti

Bersani: “Non dare piazze a parafascisti

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×