Saronno, Cazzaniga e Taroni davanti gip. Lui: “Alleviavo sofferenze”. L’odio di lei per i familiari: “Mi hanno tolto l’anima”

L’orrore trasformato in normalità. Custodito tra le quattro mura di una casa come tante. Nascosto dietro un lavoro rispettabile. I vicini di casa quasi non lo conoscevano. Perché durante la vita di tutti i giorni c’era giusto il tempo per un saluto. Quando usciva o rincasava nel condominio di Rovellasca. Lombardia profonda. Schiera di appartamenti identici. Le tende a righe bianche e gialle alle finestre. Il giardino con gli abeti e le siepi ben curate. “Buon giorno e buona sera. Tutto qua. Stava sulle sue, ma sembrava proprio una brava persona”. Al lavoro invece “era quasi pittoresco. Certo, aveva modi bruschi, ma quando c’era lui in pronto soccorso dormivo sonni tranquilli”. Qualche collega, però, se ne era accorto da tempo e adesso per gli investigatori è una certezza: la normalità di Leonardo Cazzaniga è attraversata da una linea d’ombra. Oltre la quale c’è l’orrore.
Oggi il medico anestesista ha detto che non ha mai voluto uccidere. Non c’ha mai pensato. Desiderava solo alleviare le sofferenze di chi ormai era a un passo dalla fine. Quella miscela letale di farmaci somministrata a pazienti anziani, quella che in molti al pronto soccorso dell’ospedale di Saronno conoscevano come il “protocollo Cazzaniga”, non era altro che un atto di compassione. L’impulso per accelerare la morte.
È questa la linea difensiva scelta dal viceprimario durante l’interrogatorio di convalida del fermo davanti al gip Luca Labianca che si è svolto questa mattina nel carcere di Busto Arsizio. Cazzaniga, che amava farsi chiamare dai colleghi “l’angelo della morte” e al telefono con la sua amante Laura Taroni progettava “di far fuori” il cugino di lei, ha risposto a tutte le domande che il giudice gli ha rivolto, ma ha respinto l’accusa mossa dalla Procura di Busto Arsizio: l’omicidio volontario di quattro persone morte tra il 2012 e il 2013 nel reparto dove lui lavorava. “E’ provato” ma si è detto “disponibile a chiarire quanto è successo”, dice il suo avvocato, Enza Mollica, che ha già presentato un’istanza per fargli concedere gli arresti domiciliari.
Diversa la strategia della Taroni, infermiera nella stessa struttura, che ha preferito avvalersi della facoltà di non rispondere. Per lei l’accusa è di aver ucciso, con l’aiuto del medico, il marito Massimo Guerra, morto il 30 giugno del 2013, a cui sarebbe stato applicato il “protocollo”. “Non era in grado di sostenere un interrogatorio. Fisicamente è molto provata. Non escludo di chiedere nei prossimi giorni un interrogatorio con il pm Cristina Ria – spiega la sua legale Monica Alberti – Il suo pensiero è continuamente rivolto ai due figli, non fa che chiedere di loro, sono la sua preoccupazione principale”. Gli stessi figli, undici e otto anni (ora affidati a una comunità), di cui diceva di essere pronta a sbarazzarsi per amore di Cazzaniga: “Ho detto che potrei ucciderli per te. Sei l’uomo più importante del mondo”. O che cercava di trascinare nei suoi piani deliranti per ammazzare la nonna e la zia. Come nel caso del più grande, ormai assuefatto dai medicinali che la coppia gli somministrava: “La Nene la possiamo far fuori quando vogliamo e anche la zia Adriana”.
Un odio profondo per i familiari del marito e per parte dei suoi. Covato per anni tra le mura della sua villetta di Lomazzo, circondata da campi sterminati attraversati dalla ferrovia. A pochi metri, la palazzina dove vivono i Guerra. Aguzzini, per Laura Taroni. Carcerieri di una vita che lei sognava diversa. “Non sono mai uscita di casa truccata, sai cosa vuol dire? Mi ha tolto l’anima, mi ha tolto l’anima, mi ha tolto… mi ha tolto qualunque cosa”, si sfogava con la babysitter. “Io con lui ho perso tutti i miei amici… li ho persi tutti! Dopo che mi sono sposata mi hanno obbligata ad ingrassare perché loro non volevano che io rimanessi magra; poi prima potevo andare a sciare, potevo andare con i miei amici, la sera uscire così, dopo basta”.
Dopo ci sono stati i figli, i tradimenti, le botte. Forse gli incesti. E poi quella lunga scia di lutti in famiglia su cui ora la Procura di Busto Arsizio vuole vederci chiaro: Maria Clerici, madre di lei, poi il suocero, Luciano Guerra, e ancora lo zio Nazzareno. Tante morti. Troppo vicine l’una all’altra. Tanto che in paese Laura veniva ormai considerata “una poveretta rimasta sola e con due figli da tirare su, a cui bisognava dare una mano”, dicono in un bar lontano una manciata di chilometri dalla casa dove i carabinieri sono venuti ad arrestarla. “La conosco poco, ma sembrava un po’ sfigatella”.
Non lo è certo agli occhi di Cazzaniga che al telefono frena i suoi istinti. “Guarda che una strage la farei volentieri”. “Qual è il vero problema alla fin fine… tu sei furibonda con loro e bruceresti la casa, li tortureresti e ne faresti di tutti i colori… hai un’ira dentro che ti sballa completamente… allora stai tranquilla ok?”. Le menti dei due amanti corrono in sintonia. Parlano di morte con la stessa intimità dell’amore. Sono lui e lei. La loro storia, il colpo d’acceleratore per lasciarsi alle spalle la normalità. “Cioè come se io volessi… prendere la vita…”, dice Laura. “…di un altro per reinserirla in te…”, conclude la frase Cazzaniga.

“La Costituzione è NOstra”, a “Perché No” di Travaglio irrompe Sabina Guzzanti

Una delle parti più esilaranti dello spettacolo “Perché No” interpretato da Marco Travaglio e Giorgia Salari impreziosita “dall’irruzione” di Sabina Guzzanti, anche lei nei panni del ministro Maria Elena Boschi. Il tutto alla kermesse del Fatto Quotidiano a difesa della Costituzione

“La Costituzione è NOstra”, Settis: “Voto No perché è una riforma fatta con miopia”

Intervento dell’archeologo e storico dell’arte Salvatore Settis sul palco de “La Costituzione è NOstra”, l’evento organizzato dal Fatto Quotidiano. “Voto No perché questo governo si è autoproclamato costituzionale, che è una bestemmia. Voto No perché questa Costituzione è stata fatta con grande miopia”. E aggiunge: “Voto No anche perché il nostro presidente del Consiglio ha la lingua biforcuta

In Edicola sul Fatto del 3 dicembre: Banche, bocciata un’altra legge scritta coi piedi dai costituenti

Dopo la Madia

Bomba Popolari: il Consiglio di Stato stronca la riforma

L’ordinanza – Stop alle norme che hanno messo i soci spalle al muro. Atti alla Consulta e buco nei conti. Pop Bari e Sondrio ora rischiano

Un No per Scalfari di Marco Travaglio e Silvia Truzzi

“Il Senato delle autonomie non ha senso alcuno, c’è già la conferenza Stato-Regioni, che comprende anche i Comuni… Non costa un centesimo se non il viaggio a Roma… Il Senato delle autonomie sarebbe un inutile doppione” (Eugenio Scalfari, Repubblica, 6.4.2014). “Renzi non ha alcuna intenzione di cambiare il bicameralismo eliminando utilmente la sua ‘perfezione’… Voi […]

Woodstock

Referendum, sorpresa alla festa: canta la Nannini

Energia pura – La musicista apre la kermesse del “Fatto” al Teatro Italia a Roma: ”La Costituzione è NOstra”. Sul palco attori, scrittori, giornalisti e musicisti

Il fronte del No lancia la sfida: “Renzi, dicci quanto hai speso”

Il vicepresidente del comitato Grandi: “Rendano pubblici i finanziamenti prima del voto”

L’intervista

Bersani: “Altro che Senato: cambi se molli Marchionne”

L’ex segretario Pd – La rottamazione “a braccetto” col potere e senza mai rompere “le noci dure”: “Io avevo le banche fuori dalla porta a protestare”

di Gianluca Roselli

Commenti

Dite a Scalfari che il Senato rimarrà

L’ultimo editoriale domenicale di Eugenio Scalfari dedicato al referendum porta acqua, inaspettatamente, a chi vorrebbe trasformare il referendum in una sfida all’O.K. Corral tra Renzi e Grillo. Per un verso sembra rassicurarci perché – a quanto gli risulta – Renzi, nell’incontro con il presidente della Repubblica, si sarebbe impegnato a cambiare la legge elettorale, sia […]

di Claudio Riolo *

L’Italia non può occuparsi della Libia. C’è il referendum

Caro Furio Colombo, provo a fare un elenco delle cose che non sappiamo della Libia. Non sappiamo se la città di Sirte, roccaforte dell’Isis, è stata conquistata o no. Non sappiamo se le truppe del generale Haftar (governo di Tobruk) che avevano occupato la zona degli impianti petroliferi dell’Eni siano amiche, nemiche, presenti o […]

Kit di sopravvivenza per l’ultimo miglio

È l’ora dello “straordinario” referendum. Renzi, da instancabile produttore di futilità qual è, ne produrrà ancora da qui a domani. Intanto, quarta tranche del kit di sopravvivenza per l’ultimo miglio. Autonomie Il mini-Senato non è un’accozzaglia, ma un Senato delle A. Sarà bello vedere i sindaci di Genzano e Garbagnate che, in pausa da ordinanze […]

Politica

Partecipazione

Un grazie a tutti i lettori che hanno contribuito alla serata

Per la campagna del Sì sono arrivati fondi pubblici e privati da finanziatori come Davide Serra. Il fronte del No ha avuto mezzi infinitamente più ridotti. Per la serata di ieri il Fatto ha potuto contare solo su tanti amici (attori, cantanti, scrittori…) che hanno partecipato a titolo gratuito e sul sostegno di voi lettori. […]

Il cantante

Pau dei Negrita: “Sono contro gli stravolgimenti”

Rientrati in Italia dopo un tour che li ha portati a esibirsi a Londra, Tokyo e Los Angeles, i Negrita si sono aggiudicati il Premio Fabrizio De André alla carriera: “Per la mia generazione – racconta Pau, il frontman della band aretina – è stato un nome di riferimento, soprattutto per chi imbracciava una chitarra […]

Il viaggio

“Giro l’Italia col pancione, così voto due No”

Anna Falcone – Avvocato, vicepresidente del Comitato dei professori, racconta la sua campagna

di SiT

Cronaca

Alfabeto

“Contro i profughi niente barricate, ma che siano donne”

Pier Carla Camoriano – Sindaca leghista nel Vercellese, ha accolto 14 nigeriane: “Sono mamma e nonna. Ho figlia e nipote”

La storia

Emergency & Renzo Piano: “Il nostro ospedale in Africa”

Il colloquio – Gino e Cecilia Strada con il grande architetto: “Sarà per i bimbi di tutto il continente. Aiutare loro è aiutare noi stessi”

Femminicidio a Pescara

Vuole lasciarlo: 26enne accoltellata dal compagno

“Mamma, aiutami, mi sta ammazzando”. Sono le ultime parole che Jennifer Sterlecchini, 26enne di Pescara, ha urlato prima di essere uccisa dall’ex fidanzato. Un tragico copione già visto tante volte: una storia, andata avanti per tre anni e arrivata all’epilogo, una discussione mentre lei va a riprendere le sue cose, sembra per un tablet. Poi […]

Economia

Lo sberleffo

Fs, idee renziane vecchie di 20 anni

Forse in virtù dell’evocativo nome della testata, Il Sole 24 Ore sembra aver inventato la macchina del tempo. Ieri ha celebrato con adeguata intervista l’elezione di Renato Mazzoncini, amministratore delegato delle Fs imposto da Matteo Renzi per meriti fiorentini, alla presidenza della Uic, l’Unione internazionale delle società ferroviarie. Secondo il quotidiano economico della Confindustria il […]

Mps con i subordinati “supera il miliardo”

Il salvataggio – Chiusa la conversione dei bond in azioni. Il governo: no all’intervento pubblico. In Borsa -5,4%

di Marco Maroni

Mondo

“Mad dog”, il mastino della Difesa Usa

Governo militare – Le scelte di Trump sulla sicurezza: “falchi” anti-Iran ma sulla Russia non la pensano come lui

Presidenziali bis

Il voto postale, secondo rush finale per l’Austria infelix

Domani – La ripetizione delle elezioni per scegliere tra Hofer (ultranazionalista e favorito) e Van der Bellen (Verdi)

L’intervista

“Nostalgia canaglia, ecco perché trionfa Fillon”

Christophe Ono-dit-Biot – Il giornalista: “Il candidato della destra incarna il fascino della vecchia grandeur”

di Francesco Musolino

Cultura

Storie Italiane

La nuova letteratura nascosta dietro le dediche nelle tesi di laurea

Si scoprono amicizia, famiglia, fatica. E il profumo di parole costituzionali: uguaglianza, istruzione, promozione sociale

Il Poeta e la dittatura

La prima luce di Neruda, una lezione sull’arte sempre nemica del potere

Il romanzo di Ruggero Cappuccio, occasione per riflettere su un tema attuale fin dall’antichità

di Paolo Isotta
Il libro

La notte senza scintille tra il Boss e il Duca

Si incrociarono in studio nel 1974 per registrare insieme un pezzo. Non se ne fece nulla, e forse per Springsteen fu un bene

di Francesco Musolino

Sport

L’annuncio

“Basta F1, non corro più”. Il ritiro da campione di Nico Rosberg

Il neo iridato sui social: “Da quando avevo sei anni avevo questo sogno. Adesso l’ho raggiunto”. Il pilota tedesco rinuncia a due anni di contratto e a 35 milioni. Anche Hamilton tra le cause?

“La Costituzione è NOstra”, le parole di Calamandrei e la maratona di lettura a difesa della Carta

Introdotti da un filmato d’epoca di Calamandrei: “Non è una Carta vuota, è un testamento: 100mila morti”, Andrea Scanzi, Claudio Gioè, Giordano De Plano, Veronica Gentili e Mimmo Calopresti hanno fatto una maratona di lettura sulla carta alla kermesse del Fatto Quotidiano a difesa della Costituzione

“La Costituzione è NOstra”, Falcone (Comitato No): “Votiamo per il nostro No costituente”

Intervento di Anna Falcone, vicepresidente del Comitato per il NO, nell’evento “La Costituzione è NOstra”, organizzato dal Fatto Quotidiano: “Votiamo per il nostro No costituente. Questo è l’inizio di un Noi, perché democrazia significa centralità delle persone e dei diritti e non di poteri e governi più o meno legittimi. La democrazia non è fatta di singole stagioni, ma dell’impegno costante pervicace di donne e uomini per il bene comune”