Siamo sicuri che il commando di morte fosse formato solo dai boss poi condannati? Siamo certi che i dubbi su Capaci riguardino solo i mandanti e non anche gli esecutori? Ci sono alcuni reperti recuperati dalla polizia scientifica nei pressi del luogo dove avvenne la strage. Sono due guanti in lattice trovati a 63 metri dal cratere provocato dall’esplosione assieme a una torcia e a un tubetto di mastice. Nel 1992 era impossibile rilevare le impronte digitali dal lattice: oggi, però – come raccontava ilfattoquotidiano.it già nel 2013 –  la tecnologia permette di ricostruirle anche da una particella di impronta papillare. Cosa è stato trovato da quelle particelle? Tracce genetiche riconducibili a una persona di sesso femminile. C’era dunque anche una donna nel commando di morte di Capaci? Di una donna aveva fatto cenno il collaboratore di giustizia calabrese, Nino Lo Giudice. Parlava di una persona che “agiva sempre” con Giovanni Aiello, l’ex poliziotto accusato di essere Faccia da mostro, il killer con il tesserino dei servizi in tasca.  “Era una tale Antonella – ha detto il pentito Lo Giudice – tutti e due facevano parte a servizi deviati dello Stato e la donna era stata ad Alghero in una base militare dove la fecero addestrare per commettere attentati e omicidi”. Le indagini su Aiello, però, sono state archiviate dopo la sua morte, avvenuta su una spiaggia della Calabria nell’agosto del 2017.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Strage di Capaci, due nuovi indagati. Il pentito: “Per uccidere Falcone c’era anche l’artificiere del boss Usa John Gotti”

prev
Articolo Successivo

Palermo, in bici elettrica in un cantiere a chiedere il pizzo: arrestato 40enne della famiglia Graviano

next