FQ MAgazine

Idee: l’Islanda in libertà con la “casa” al seguito

In aereo fino a Reykyavjk e poi una casetta su ruote a noleggio per vivere al meglio un'isola straordinaria ma carissima. Il camper è uno dei modi più economici ma anche più "creativi" per visitare questo piccolo e affascinante mondo selvaggio dal cuore di fuoco ma coperto di ghiacciai, abitato da cavalli speciali e dalla più grande colonia di spettacolari pulcinelle di mare. Ecco, passo dopo passo, un viaggio di 9 giorni con le istruzioni necessarie per organizzarlo e pianificarlo in tempo. L'itinerario migliore e qualche consiglio pratico.

Turismo, il boom dell’Albania: prezzi bassi e arrivi quasi raddoppiati. Ma cresce anche il cemento: aree archeologiche a rischio

REPORTAGE - "Mai vista tanta gente", raccontano dall'imbarco dei traghetti che da Brindisi raggiungono Valona e Saranda. E in effetti il Paese delle Aquile sta sbaragliando la concorrenza greca e italiana grazie a prezzi low cost e spiagge bellissime. Dal 2012 al 2017, gli ingressi di stranieri sono passati da 3,2 a 5,1 milioni di persone, soprattutto italiani. Un paradiso delle vacanze a portata di mano, ma che rischia di essere sfregiato dal boom edilizio di resort e abitazioni costruiti fin sopra le scogliere senza alcun piano edilizio che tenga

Vacanze: Gallipoli, l’Ibiza salentina tra storia, folklore, antichi fasti. E spiagge fashion

La piccola città salentina unisce due anime: il fascino della città vecchia con il suo passato straordinario, e le eccitazioni balneari dei tempi moderni all'altezza delle star del settore. Fuori stagione diecimila tranquilli abitanti, atmosfere ovattate tra le bellezze architettoniche e storiche. D'estate duecentomila visitatori, in media, provenienti da tutto il mondo nella scatenata stagione estiva, tra le più "modaiole" nel panorama vacanziero.

Reportage: viaggio alle Galàpagos, l’incantato laboratorio di Darwin

Secoli, millenni, senza che nessun fattore esterno abbia rotto l'equilibrio naturale di questo arcipelago perduto nel Pacifico sulla linea dell'Equatore. Protette con rigore assoluto dalle leggi di tutela ambientale dell'Ecuador, di cui politicamente fanno parte, le 13 isole rappresentano il mondo perfetto dove il naturalista inglese aveva formulato la sua Teoria dell'evoluzione. Sperando che si salvi dal business turistico.

Idee: Papallacta, terme da capogiro per un relax ad alta quota

A una settantina di chilometri da Quito, la capitale dell’Ecuador, valicato un passo a 4100 metri di altezza, si arriva alla Spa probabilmente più alta del mondo, 3300 metri. Bagni termali, fanghi, relax, circondati dal paesaggio maestoso delle Ande.

Reportage: Quito, tra dorati splendori coloniali, colorati “presepi” di Lego e festose kermesse popolari.

Fondata dagli indios, conquistata dagli Incas, colonizzata dagli spagnoli che dal XVI secolo l'hanno impreziosita con chiese dorate, monasteri fastosi e palazzi, oggi la capitale del piccolo Ecuador è un prezioso scrigno di bellezze riconosciuto dall'Unesco. Ha i problemi di tutte le grandi città ma per "discuterne" si è inventata una specie di festa popolare in piazza.

Weekend: Dresda e la Sassonia, tra ricordi, fabbriche ultra moderne e “simil-Svizzere”

Quasi completamente rasa al suolo dai raid aerei degli alleati il 13 e 14 febbraio del 1945 Dresda è riuscita in questi decenni a ritrovare la sua fisionomia attraverso una miracolosa e minuziosa ricostruzione. Per tornare ad essere la magnifica capitale del suo Bundesländer ricco di storia, con un fiume ribelle e paesaggi "particolari".

Natura: Kufstein, la minuscola “numero due” del Tirolo con l’hobby dei record

La cittadina è il secondo centro del Tirolo dopo il capoluogo Innsbruck, non ha neppure ventimila abitanti, ma insieme ad altri 7 piccoli villaggi forma una "land" piena di opportunità e sorprese. E con molti assi nella manica.

Reportage: Lipsia, la città futurista che ha segnato la storia della Germania

Prima i fasti del passato sassone, poi la Guerra e le devastazioni dei bombardamenti. La divisione della Germania e il passaggio sotto la gestione sovietica. Infine la ribellione che fece cadere la Ddr e la ricostruzione, attraverso un nuovo orgoglio e architetture ardite.
×

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×