È il 6 dicembre del 2013 e Totò Riina passeggia nel cortile del carcere milanese di Opera. Discute con il suo “compagno” d’ora d’aria, Alberto Lorusso, mentre la Dia li intercetta. “Totò Cancemi dice: che dobbiamo inventare che la morte di Falcone? Che ci devi inventare, gli ho detto. Se lo sanno la cosa è finita”, dice il capo dei capi. Gli investigatori non credono alle loro orecchie: perché un capomafia come Cancemi aveva urgenza d’inventarsi qualcosa su Capaci? Cosa non si doveva dire? E a chi? Su Falcone c’era una specie di movente top secret noto solo a pochissimi superboss di Cosa nostra? “Le complesse motivazioni della campagna stragista sono rimaste nella conoscenza esclusiva di un ristrettissimo numero di capi perché furono in buona misura tenute segrete sia agli esecutori materiali che alla quasi totalità degli stessi componenti della Commissione provinciale di Palermo, l’organo decisionale di vertice della mafia palermitana”, ha scritto sul Fatto il magistrato Roberto Scarpinato.  Ma perché quelle motivazioni non vengono rivelate a tutti i capimafia? Cosa c’è di incoffessabile? 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di Capaci, due nuovi indagati. Il pentito: “Per uccidere Falcone c’era anche l’artificiere del boss Usa John Gotti”

next
Articolo Successivo

Palermo, in bici elettrica in un cantiere a chiedere il pizzo: arrestato 40enne della famiglia Graviano

next