Per la verità, a schiacciare quel telecomando doveva essere Pietro Rampulla, un mafioso della provincia di Messina, ex fascista vicino a Ordine nuovo esperto di esplosivi. “A Capaci l’artificiere doveva essere Rampulla; doveva essere lui ad azionare il telecomando finale, ma aveva un impegno e non è potuto venire. Ha chiesto se poteva essere libero, e io gli ho detto: Vai che so io quello che devo fare”, ha raccontato sempre Brusca. Può un mafioso annullare la sua presenza alla strage più delicata della storia di Cosa Nostra chiedendo semplicemente un giorno libero? Non è l’unico mistero legato al commando. Gioacchino La Barbera è l’uomo che il 23 maggio del 1992 avvisò i killer dell’arrivo delle auto blindate dall’aeroporto. Tempo fa ha fatto per la prima volta cenno ad una presenza estranea a Cosa nostra nelle fasi preparatorie della strage: quando i boss si erano riuniti per collegare le singole cariche d’esplosivo c’era anche un uomo sconosciuto che parlava “soltanto a bassa voce”. Chi era? Si tratta della stessa persona indicata recentemente da Maurizio Avola? Il pentito di Catania – come ha raccontato Repubblica – si è auto accusato di aver trasportato detonatori e tritolo a Termini Imerese, mettendoli a disposizione di Cosa nostra di Palermo. Lui e il boss Marcello D’Agata sono gli ultimi indagati per la strage. Ma Avola ha raccontato anche altro. Agli inizi del 1992 ha detto di aver conosciuto un artificiere statunitense esperto in esplosivi inviato in Sicilia dal boss John Gotti. L’artificiere americano era a Capaci? “Ercolano mi disse che il forestiero aveva collaborato all’attentato”, ha detto Avola. D’altra parte restano senza risposta anche le domande sulle tre telefonate partite da uno dei cellulari clonati. È il telefono usato da uno degli stragisti: Nino Gioè, poi morto suicida in galera. Quelle telefonate sono tutte indirizzate a un’utenza del Minnessota: la prima da 40 secondi alle 15,17, la seconda da 23 secondi alle 15,38, la terza da ben 522 secondi alle 15,43. Meno di due ore dopo ecco l’esplosione. Con chi parlava Gioè in America?

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di Capaci, due nuovi indagati. Il pentito: “Per uccidere Falcone c’era anche l’artificiere del boss Usa John Gotti”

next
Articolo Successivo

Palermo, in bici elettrica in un cantiere a chiedere il pizzo: arrestato 40enne della famiglia Graviano

next