Nato a Ferrara, ha 60 anni. Laureato in Giurisprudenza, è deputato dal 2001. Figlio di un partigiano cattolico poi eletto in Parlamento con la Dc, Franceschini viene dalla Margherita è stato sottosegretario alla presidenza del Consiglio nei governi di Massimo D’Alema e Giuliano Amato. Nel governo di Enrico Letta, è stato ministro per i Rapporti con il Parlamento. Nei governi di Matteo Renzi e Paolo Gentiloni è stato ministro alla Cultura. È stato capogruppo dell’Ulivo alla Camera, vicesegretario del Pd e poi dal 2009 segretario dopo le dimissioni di Walter Veltroni. L’anno dopo ha perso le primarie, sconfitto da Pierluigi Bersani. La sua corrente – Areadem – è stata fondamentale negli equilibri interni al partito sia quando ha sostenuto lo stesso Bersani, che quando si è alleata con Matteo Renzi. Dal 2018 è promotore del dialogo con i 5 stelle. Riprende la delega al Turismo, che la Lega aveva affidato al ministro dell’Agricoltura, Gian Marco Centinaio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo, Patuanelli prende il posto di Di Maio al Mise: “Continuità col suo lavoro”. E su Alitalia: “Vorrei essere l’ultimo a occuparmene”

next
Articolo Successivo

Governo, D’Uva: “Al Senato numeri certi. Per Lega ci sono traditori nel M5s? Facciano i nomi”

next