/ di

Ricky Farina Ricky Farina

Ricky Farina

Filmmaker e aforista

Apparso tragicamente il 2 aprile del 1969, dopo un percorso scolastico accidentato si laurea in filosofia con una tesi su Cioran dal titolo “Esercizi di disperazione”.
Continua a esercitarsi nella disperazione con risultati alterni, a volte gli capita di essere persino felice e questo è fonte di turbamento.

Blog di Ricky Farina

Società - 12 dicembre 2017

Fanatici del lavoro, vi amo. E starei delle ore a guardarvi faticare

C’è una frase celebre sul lavoro di un celebre scrittore che dice più o meno : “Amo il lavoro, starei delle ore a vedere la gente lavorare”. E c’è un’altra frase tristemente celebre che dice : “Il lavoro rende liberi”. Io non lavoro, quindi non sono libero. Ed è bellissimo. Mi alzo quando voglio, non […]
Società - 30 novembre 2017

Quella sera che mi ritrovai a cena con Vittorio Sgarbi (e non mangiai)

Capita nella vita di finire in trappola, la vita stessa in fondo è una meravigliosa trappola tra l’assoluto e la contingenza. Un mio carissimo amico, al quale voglio bene, un pomeriggio di parecchi anni fa mi disse: “Stasera vieni a cena con noi in un ristorante vicino a Pisa, ci sarà anche Vittorio Sgarbi, è una […]
Società - 26 novembre 2017

A lezione di disperazione da Gabriele, un santo dell’insensatezza

Ci sono esseri umani che hanno una disperazione carnale, sensuale direi, Gabriele Contini è uno di questi esseri umani. Quando mi chiama al telefono e ci diamo appuntamento al Duomo di Milano, mi porto sempre dietro la videocamera, e sono felice di spendere dieci euro e cinquanta per tre caffè con vista Duomo. Dopo le nostre […]
Cinema - 18 novembre 2017

Il vero scandalo nel cinema non è il caso Weinstein

Il vero scandalo nel cinema non è Harvey Weinstein, ma chi si muove nel cinema svincolato dai legami commerciali, chi non fa del denaro il proprio funesto demiurgo. Chi mantiene una purezza di ispirazione è scandaloso, ed è questo l’unico scandalo che io amo, per questo sono amico di Silvano Agosti, un uomo scandaloso, un poeta che […]
Società - 11 novembre 2017

‘Col mio frustino da mistress punisco Bertinotti’, la gaia anarchia di Helena Velena

C’è La gaia scienza di Nietzsche e c’è La gaia anarchia di Helena Velena. Miss Velena si descrive come una guerrigliera semiotico-psichedelica, ed è tutto un programma. Helena Velena va in giro con un frustino che usa anche come “arma simbolico-politica”, tra le sue vittime ci sono Sergio Cofferati e Fausto Bertinotti, “frustinati” in pubblico per i […]
Cultura - 1 novembre 2017

Che cosa significa per me Alda Merini

Per parlarvi di Alda Merini è necessario che vi parli del significato che Alda Merini ha avuto nella mia vita. Quindi vi parlerò della mia Alda Merini e non potrebbe essere altrimenti. Io so di non essere un poeta e lo so perché conosco i poeti e li amo, ma so anche di essere uno […]
Società - 28 ottobre 2017

Quello che mi piace fare con le donne non potrebbe mai piacere a Weinstein

Il successo dà alla testa, nel caso di Weinstein si intende “la testa genitale“. Questo produttore di film memorabili come Pulp Fiction si è rovinato con le proprie palle. Un destino comune a molti uomini, ma quando sei un produttore di fama mondiale il clamore è d’obbligo. Anche uno come me ha sentito almeno una volta […]
Società - 20 ottobre 2017

Essere vecchi è bellissimo, me l’ha insegnato Gino

A me la parola “vecchio” piace, mi piace molto. Non ho il culto della giovinezza e nemmeno l’ossessione di volere sembrare “giovanile”. Ho 48 anni e me li sento tutti addosso, uno per uno. Un vecchio film, solo per il fatto di essere vecchio, mi emoziona. E’ come se la patina del tempo desse una dignità […]
Società - 13 ottobre 2017

Non chiedermi cosa faccio nella vita, chiedimi cosa faccio per la vita

Farina: “Signor Ricky, lei si intervista da solo perché nessuno la intervista?” Ricky: “Esattamente, non le sembra una cosa simpatica?” Farina: “Forse, ma veniamo a noi, quanti anni ha?” Ricky: “48 e sento addosso ogni attimo che ho vissuto” Farina: “Bene, chi dice di non sentirsi i propri anni è come se non avesse vissuto, vero?” […]
Società - 4 ottobre 2017

Sono ateo, ma datemi un Campari con vodka e diventerò credente

Non credo in Dio e mi spiace tantissimo, mi sembra di essere offensivo nei suoi riguardi. Sono un uomo di solito gentile e non amo mancare di rispetto all’Assoluto con la mia totale sfiducia in un Creatore, quindi sarei portato a credere per gentilezza, ma proprio non mi viene, la mia debolezza è più forte di me! […]
Lize, rap tra le macerie di Accumoli. Perché quel video mi fa arrabbiare
Volete divorziare dal mondo? Mandate delle mail

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×