/ di

Ricky Farina Ricky Farina

Ricky Farina

Filmmaker e aforista

Apparso tragicamente il 2 aprile del 1969, dopo un percorso scolastico accidentato si laurea in filosofia con una tesi su Cioran dal titolo “Esercizi di disperazione”.
Continua a esercitarsi nella disperazione con risultati alterni, a volte gli capita di essere persino felice e questo è fonte di turbamento.

Blog di Ricky Farina

Cultura - 17 Gennaio 2019

Severino Saltarelli mi ha donato la sua voce. E io ho scritto una poesia per lui

Ogni tanto faccio dei versi: a volte sono versi di scimmia, altre volte per caso nascono delle poesie. Questa volta ho scritto una poesia pensando a una voce, alla voce di un attore mio amico:  Severino Saltarelli. Siamo andati a prenderlo alla metropolitana di Wagner, qui a Milano, io e il mio pianista personale: Nicola […]
Cultura - 12 Gennaio 2019

Beppe Costa merita la Legge Bacchelli. Un poeta va sempre amato

La legge Bacchelli è una perla della Repubblica italiana, una legge che amo, forse la legge più bella in assoluto, ed è una legge nata nel 1985 sotto il Governo Craxi. Se c’è una cosa che odio è quel liquame di corruzione e ipocrisia che fu appunto il Governo Craxi, un liquame denso di menzogna […]
Società - 30 Dicembre 2018

Nel 2019 in Italia ci sarà un colpo di Stato: andranno al potere le casalinghe

Oggi assumerò i panni di un novello Nostradamus e voglio fare profezie per il 2019, mi sento un veggente. Prima una profezia a livello personale: diventerò ricco e famoso. Ogni notte uscirò con due donne diverse: una per testicolo. E ceneremo nei migliori ristoranti del mondo. Comprerò un attico con una piscina in salotto. Assumerò […]
Società - 24 Dicembre 2018

Gigi Taranto, il poeta che non ho mai conosciuto

C’è un poeta che amo, un poeta che sento amico anche se non l’ho mai conosciuto, un poeta che era vivo e che è morto. Il suo breve passaggio su questa terra è racchiuso in due date: 1957-1996. Si è spento all’aperto, sopra una panchina. L’ho scoperto nella libreria di un amico, ho iniziato a […]
Società - 15 Dicembre 2018

La brutta gente esiste. E spero davvero che anche voi siate orrendi

La brutta gente esiste ed è bruttissima. Veramente brutta-bruttissima. Siamo circondati dalla brutta gente. La brutta gente pensa che una vita umana valga di più del Mercato, della finanza e dei trattati commerciali. Questi umanisti dolciastri e ingenui, che schifo. Che cos’è un singolo davanti al Mercato? Niente, putridume. Il Mercato è eterno, la vita […]
Società - 8 Dicembre 2018

Perché non sono gay? Perché questa colossale ingiustizia?

Se fossi gay, sarei una persona squisita. Come gay avrei una gentilezza assoluta, radicale, prima di essere penetrato direi sempre: “Scusi le spalle”. Come eterosessuale sono gentile, ma non così gentile come vorrei. Se fossi gay, sarei cotto di Bob. Bob è un amico di amici, un ingegnere, metà croato e metà francese, ha una […]
Società - 2 Dicembre 2018

Come cercare un ego in un pagliaio

Mi cerco. Non mi conosco. Avvampo di solitudine davanti allo specchio. Fisso il mio volto con gli spilli degli occhi. Ancestrale sgomento di avere un volto. Conto i sensi della vita: sono cinque. Non mi bastano. Tiro fuori la carta d’identità, che senso ha un’identità di carta? Chi sono? Un cittadino? Una creatura? Un inno […]
Società - 25 Novembre 2018

La pausa di riflessione

Lei: Amore, ho bisogno di una pausa di riflessione. Lui: Perché? Lei: Devo riflettere. Lui: Ok, ma perché hai bisogno di una pausa per riflettere? Lei: Scusa? Lui: Voglio dire, non puoi riflettere senza pause? Lei: No. Io rifletto solo nelle pause. Lui: Su che cosa devi riflettere? Lei: Su di noi. Lui: E non […]
Società - 18 Novembre 2018

Non arrivate alla fine del mese? Non è vero, altrimenti dovrebbe esserci un’ecatombe

Basta la parola discount a mandarmi in depressione, detesto tutto ciò che è scontato nella vita come nei supermercati. Persone scontate che comprano prodotti scontati. Tristezza che si aggiunge a tristezza. Come può un essere umano comprare un succedaneo del caviale? Significa non avere più rispetto per se stessi. Ma non vi vergognate? Così facendo […]
Cinema - 11 Novembre 2018

Whatsapp e i Logo, un collettivo che mette in mutande i produttori

Vivo da sempre nelle sabbie mobili di me stesso, il cinema è movimento, è la forza cinetica che mi permette di uscire da queste sabbie mobili immaginarie. Truffaut, Welles, Hitchcock, Renoir, Rossellini, Antonioni, Fellini, Dreyer, Kubrick li considero tutti miei colleghi, senza complessi di inferiorità. Questo è matto, alcuni diranno. Lo ammetto: sono matto. Sentirmi inferiore […]
Panda o morte, lo straordinario viaggio da Verona a Mosca di Marco Rizzini

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×