Nelle carte dell’indagine spuntano 250mila euro che Parnasi, tramite una sua società, ha dato all’associazione “Più Voci” presieduta dal tesoriere della Lega Giulio Centemero. In un’intercettazione il costruttore precisa che la dazione “non è stata fatta per Salvini” ma per creare “un sistema di imprenditori, appaltatori”. Parlando del versamento alla onlus spiega che  “è una cosa fatta all’epoca quando io…creare un sistema di imprenditori, appaltatori ecc. Le ho fatte con Stefano Parisi, le ho fatte con Meloni”. Parlando dell’associazione, il costruttore la definisce “un comitato di professionisti di Milano, gente non legata a Salvini. Non è una roba della Lega Nord”. Poi nel 2018, alla vigilia delle elezioni politiche dice al suo commercialista Gianluca Talone. “Lega erano 100 e 100’, affermando che è possibile utilizzare due società del gruppo (di cui una è Immobiliare Pentapigna) ‘…ne facciamo 100 su Pentapigna e 100 qua…’. Gianluca Talone – proseguono i Carabinieri – afferma, riferendosi a terzi, di aver capito le modalità dell’operazione precisando ‘…loro faranno una sul giornale e un’altra su trasmissioni radiofoniche”. La motivazione di queste erogazioni di 200 mila euro del 2018 progettate da Parnasi alla vigilia delle elezioni, sarebbe quindi riconducibile al sostegno ai media leghisti. Dopo quel contatto, però, il finanziamento non avrebbe avuto seguito.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Stadio Roma, Bisignani tra gli indagati: “Concorso in tentata corruzione”. Nell’inchiesta anche Ciocchetti

prev
Articolo Successivo

Camerino, scoperti 120 casi di contributi illeciti per un alloggio dopo il terremoto

next