In un’altra intercettazione Parnasi dice a un suo collaboratore: “Domani c’ho un altro meeting dei Cinque Stelle, perché pure a loro gliel’ho dovuti dare eh, mica che… ci sta l’amico tuo adesso, gliel’ho detto di quell’operazione”. Dall’ordinanza fatta eseguire dal gip emerge come il costruttore avesse intenzione di “promuovere” in qualche modo la campagna elettorale in Regione di Roberta Lombardi. Giulio Mengosi, in qualità di responsabile comunicazione di Eurnova, dice a tale Fabio che il capogruppo capitolino Paolo Ferrara e il presidente dell’Assemblea Capitolina, Marcello De Vito (non risulta indagato) “mi hanno chiesto di aiutare la Lombardi, non lei direttamente perché neanche la conosco, ma con tutti i miei contatti sono a disposizione di tutti, sono un professionista”. Insomma, come la definiscono i militari, “un’attività di promozione in favore del candidato attivando canali da lui conosciuti”.  Non risulta alcun finanziamento economico di Parnasi in favore della candidata pentastellata. E neanche altro tipo di sostegno. “Chiunque abbia scritto Parnasi ha finanziato la Lombardi ha scritto il falso. Da lui nemmeno un millesimo di euro per la mia campagna elettorale. Paransi mi chiese un incontro nel suo ufficio, ma io pretesi e ottenni che avvenisse alla Camera affinché la sua presenza fosse registrata e messa agli atti, era dicembre 2017”, dice Lombardi intervistata dal Messaggero.