Consigliere comunale di Forza Italia, candidato alle politiche, è indagato perché Parnasi gli elargiva “un contributo economico a mezzo di consegna di una imprecisata somma di denaro in contanti, in assenza della prescritta delibera da parte dell’organo sociale competente e senza annotare l’elargizione nel bilancio d’esercizio”.