Avvocato, candidato non eletto dal M5s Camera, riceve un finanziamento in campagna elettorale da 20mila euro ma non fa in tempo a spenderli. Quindi il giorno dopo le elezioni chiede di restituirli.”Praticamente te li devo restituire — dice a Parnasi — però io vorrei, se tu sei d’accordo, riprenderli”. Nell’ordinanza del gip è indagato perché  “in qualità di materiale compilatore della fattura per operazioni oggettivamente inesistenti emetteva la fattura relativa ad attività professionale di fatto mai eseguita, per l’importo di € 16.032,00, al fine di consentire alla società destinataria della fattura di evadere le imposte sui redditi in termini di maggiore Iva a credito e maggiori costi deducibili”.