Al di là degli esiti dei processi, sia penale sia sportivo che in primo grado ha visto i bianconeri condannati per il bagarinaggio, la commissione Antimafia evidenzia come dall’inchiesta Alto Piemonte e da altre indagini precedenti emerga un quadro “molto preoccupante di infiltrazione ‘ndranghetista nei gruppi di tifosi organizzati della Juventus”. I primi segnali dell’interessamento della ‘ndrangheta alle partite nell’Allianz Stadium sono emersi negli anni 2012 e 2013, “in un contesto del tutto inaspettato”, nel corso di un’indagine su un’associazione di tipo mafioso di origine rumena. Da quel gruppo, i Templari, le inchieste toccano poi i Bravi Ragazzi e i Viking, fino alla sentenza del gup del tribunale di Torino che lo scorso 30 giugno ha condannato con rito abbreviato Saverio e Rocco Dominello per associazione mafiosa e come i mandanti di un tentato omicidio. Il giudice definisce il più piccolo dei Dominello, Rocco, come un  “deferente tifoso” dal lato dei rapporti con la società Juventus e, grazie al ruolo del padre Saverio, “referente della ‘ndrangheta dal lato della gestione dei rapporti con i gruppi del tifo organizzato juventino”. Il tribunale cristallizza una situazione assai più ampia: “Gli elementi raccolti dimostrano – scrive il gup – anzitutto l’esistenza di un sistema di ripartizione dei gruppi di tifosi organizzati fra diverse articolazioni locali della ‘ndrangheta, che non a caso devono prestare il proprio assenso all’ingresso in curva di nuovi soggetti in quanto ciò comporta evidenti ricadute di carattere economico“. Un controllo tanto capillare che “le decisioni di maggior rilievo e la definizione di contrasti particolarmente accesi” vengono risolti attraversi la “‘casa madre’ in Calabria”. E se qualcuno voleva creare il proprio gruppo ultras “erano necessarie due autorizzazioni: una da parte degli ultras storici, una da parte della ‘ndrangheta”. Il tifo? Importava poco, l’obiettivo era lucrare sul bagarinaggio dei biglietti. E per questo era stato suggellato un accordo, sostiene l’Antimafia, citando le intercettazioni agli atti del processo: “Andate avanti e non vi preoccupate, che abbiamo Rosarno, Barrittieri, Seminara, Reggio…”, dicevano gli indagati al telefono. E ancora: “E se ve lo dice lui sapete chi ve lo ha detto? Ve lo ha detto Rosarno!!! Quelli che comandano, non ve lo ha detto solo Saverio…”, “Andiamo avanti che non ci tocca nessuno a noi (…) non gli conviene che tocchino a noi… che veramente, abbiamo la possibilità di fare la guerra veramente”.

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Musica Contro le Mafie: durante la terza giornata uno speech dedicato al “Costo del no” dei testimoni di giustizia

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta stragista, il pentito Villani: “Ho incontrato Faccia da mostro. Omicidi dei carabinieri? Pilotati da altri”

next