Nelle curve in cui i clan non arrivano, la forza di “intimidazione” delle tifoserie ultras è spesso “esercitata con modalità che riproducono il metodo mafioso”. Dentro e fuori dallo stadio. Accade a Genova, come racconta la commissione Antimafia, rispolverando la sospensione di Genoa-Siena nel 2012 e l’umiliazione subita dai giocatori costretti a consegnare le magliette. Tra i leader del Marassi c’è Massimo Leopizzi, capoultras della Brigata Speloncia, gruppo di estrema destra. I reati collezionati sono elencati dai parlamentari: estorsione, rissa, minaccia a pubblico ufficiale, ricettazione, falso, detenzione illegale di armi, porto di armi, resistenza a pubblico ufficiale, lesioni, maltrattamenti, violenza sessuale, guida in stato di ebbrezza, detenzione abusiva di armi clandestine e di munizioni. È stato recentemente condannato, racconta in audizione il procuratore capo di Genova Francesco Cozzi, per il possesso di una rivoltella e di 50 proiettili, che “avrebbe ricevuto da Marietto Rossi, uno degli esponenti più pericolosi della criminalità genovese degli anni Ottanta e Novanta, (…) condannato all’ergastolo per omicidio”. In quella giornata, fu proprio Leopizzi – come ricostruirono gli inquirenti – a parlare al telefono con l’attaccante Giuseppe Sculli, nipote del boss ‘ndranghetista Giuseppe Morabito, che riuscì a fermare la contestazione “forte della sua estrazione familiare generalmente nota e sfruttando lo stretto rapporto personale con alcuni capi ultras”. Non va molto meglio alla Lazio, dove tra i leader degli Irriducibili viene segnalato Marco Turchetta, detto Orso, indagato per intestazione fittizia di beni in un’inchiesta del Gico di Roma che lo scorso 16 giugno ha portato all’arresto – per reati con l’aggravante del metodo mafioso – di diversi esponenti di un gruppo criminale “guidato da Alessandro Presutti, che risulta essere intimo amico” di Turchetta. Tra le sue conoscenze ci sono anche il leader dell’estrema destra romana Giuliano Castellino e Maurizio Boccacci, pluripregiudicato esponente neo fascista, amico di Massimo Carminati.

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Musica Contro le Mafie: durante la terza giornata uno speech dedicato al “Costo del no” dei testimoni di giustizia

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta stragista, il pentito Villani: “Ho incontrato Faccia da mostro. Omicidi dei carabinieri? Pilotati da altri”

next