Nadia Nencioni abitava in uno di quei palazzi antichi di Firenze, vicino ad uno dei musei più famosi al mondo, quello degli Uffizi. Uno di quei posti dove non puoi nemmeno immaginare che la mafia possa arrivare. Un luogo dove sognare. Da qualche settimana era ancor più felice per la nascita di Caterina e quella notte erano insieme quando verso l’una furono inghiottite “da un fumo nerissimo e denso”. Una bomba aveva distrutto le loro loto vite. Quella di una undicenne, Nadia e quella di Caterina di soli 50 giorni. Vennero distrutte moltissime abitazioni e persino la Galleria degli Uffizi subì gravi danneggiamenti. La strage è stata inquadrata nell’ambito della feroce risposta del clan mafioso dei Corleonesi di Totò Riina all’applicazione dell’articolo 41 bis, che prevede il carcere duro e l’isolamento per i mafiosi. Era la notte tra il 26 e il 27 maggio 1993.

INDIETRO

Giornata vittime delle mafie, da Dodò ai gemelli Asta: 9 storie di bambini uccisi da Cosa Nostra raccontate da don Ciotti

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornata in ricordo delle vittime delle mafie, Don Luigi Ciotti: “Oggi a Locri siamo tutti sbirri”

next
Articolo Successivo

Locri in piazza contro la mafia. Ma giovani e vecchi non parlano la stessa lingua: “‘Ndrangheta? Lei che ne sa?”

next