Domenico Gabriele, Dodò per mamma e papà, undici anni, era uno di quei bambini “vivaci, generosi, pazzi per il pallone”. A scuola andava bene tant’è che lo prendevano in giro chiamandolo “secchione”. Ma per Domenico Gabriele ciò che era importante era stare dalla parte giusta. “Era stato un duro colpo per lui scoprire che nel mondo del calcio avvenivano gravi scorrettezze”. Anche nella sua città, Crotone, non tutti erano come lui. Dodò aveva sentito parlare di “quelli là” dai suoi genitori ma mai avrebbe immaginato di vederli in faccia. La sua vita è finita in un campetto di calcio dove “nell’aria al posto del pallone volavano pallottole” destinate ad un affiliato della ‘ndrangheta. Domenico è morto dopo tre mesi di coma nel 2009.

INDIETRO

Giornata vittime delle mafie, da Dodò ai gemelli Asta: 9 storie di bambini uccisi da Cosa Nostra raccontate da don Ciotti

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it,
ABBIAMO BISOGNO DI TE

Su ilfattoquotidiano.it navighi gratis: ma il nostro lavoro ha un costo. E la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è bloccata, fatica a ripagarlo. Sostienici. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornata in ricordo delle vittime delle mafie, Don Luigi Ciotti: “Oggi a Locri siamo tutti sbirri”

next
Articolo Successivo

Locri in piazza contro la mafia. Ma giovani e vecchi non parlano la stessa lingua: “‘Ndrangheta? Lei che ne sa?”

next