Sono più di 800 i nomi e i cognomi che il 21 marzo, in occasione della Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie, verranno scanditi nella piazza di Locri dove l’associazione “Libera” di don Luigi Ciotti ha scelto di vivere questa ricorrenza che da quest’anno, grazie ad una legge approvata nei mesi scorsi dal Parlamento, è diventata nazionale. E’ un lungo elenco di uomini, donne, magistrati, giornalisti, preti, poliziotti, sindacalisti ma anche bambini. Don Ciotti ha voluto raccontare in un libro “La classe dei banchi vuoti“(edizioni “Gruppo Abele“) le vite, le emozioni, i sogni di nove di questi 108 innocenti uccisi dalla criminalità organizzata. Ecco le loro storie.

Giornata vittime delle mafie, da Dodò ai gemelli Asta: 9 storie di bambini uccisi da Cosa Nostra raccontate da don Ciotti

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornata in ricordo delle vittime delle mafie, Don Luigi Ciotti: “Oggi a Locri siamo tutti sbirri”

next
Articolo Successivo

Locri in piazza contro la mafia. Ma giovani e vecchi non parlano la stessa lingua: “‘Ndrangheta? Lei che ne sa?”

next