Giuseppe Letizia è uno dei primi bambini ammazzati dalla criminalità organizzata. “Simpatico, un poco selvatico. Quando non era a scuola lo trovavi nei campi” o ad ascoltare Placido, un giovane sindacalista corleonese che di cognome faceva Rizzotto. A Corleone la sua vita, dopo le lezioni, era in campagna ad aiutare il nonno. Anche quel giorno era andato al pascolo con le pecore ma mentre tornava a casa si accorse di tre uomini che trascinavano un uomo per poi ucciderlo. Aveva visto con i suoi occhi la morte di Placido. E come può un bambino sopportare una tale atrocità? Arrivato a casa gli era venuta la febbre tanto da doverlo portare all’ospedale dove non smise di invocare il nome di Placido ucciso da Luciano Liggio, luogotenente di Michele Navarra, capomafia di Corleone e direttore proprio di quell’ospedale. Giuseppe era diventato un testimone scomodo e venne ucciso con un’iniezione a 12 anni. Era il 1948.

INDIETRO

Giornata vittime delle mafie, da Dodò ai gemelli Asta: 9 storie di bambini uccisi da Cosa Nostra raccontate da don Ciotti

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Giornata in ricordo delle vittime delle mafie, Don Luigi Ciotti: “Oggi a Locri siamo tutti sbirri”

next
Articolo Successivo

Locri in piazza contro la mafia. Ma giovani e vecchi non parlano la stessa lingua: “‘Ndrangheta? Lei che ne sa?”

next