È una delle più antiche istituzioni dell’Unione europea. Istituito nel 1952 come Assemblea comune della Comunità europea del carbone e dell’acciaio, diventato poi nel 1962 Parlamento europeo, dal 1978 diventa l’unico organo ad essere eletto con suffragio universale diretto, vale a dire da tutti i cittadini membri dell’Ue e aventi diritto di voto. Dall’entrata in vigore del Trattato di Lisbona (2009), è composto da 750 membri più il presidente, che si rinnovano ogni cinque anni. La sua funzione è quella di adottare la legislazione dell’Unione europea, insieme al Consiglio dell’Ue e sulla base delle proposte provenienti dalla Commissione. Può inoltre decidere sugli accordi internazionali e in merito agli allargamenti. Tra i suoi compiti c’è anche quello di supervisionare sulle altre istituzioni. Ad esempio fa un “controllo democratico” su di loro. Ma non solo.

Il Parlamento elegge il presidente della Commissione e ne approva i membri, ma ha anche la possibilità di obbligare la Commissione a dimettersi, votando una mozione di censura. L’Assemblea ha anche il compito di elaborare il bilancio dell’Ue, insieme al Consiglio, e di approvare il “quadro finanziario pluriennale”. Di norma si riunisce a Strasburgo per quattro giorni al mese, ma a volte vengono organizzate delle sessioni supplementari a Bruxelles. Il numero di eurodeputati per ogni paese è variabile, proporzionale alla popolazione di ciascuno di essi. Per esempio l’Italia è chiamata a eleggere 73 europarlamentari che diventeranno 76 dopo l’effettiva uscita del Regno Unito. Attualmente il suo presidente è Antonio Tajani.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Puglia, assessore Pd sostiene Lega alle Europee: verso mozione di sfiducia di tutto il gruppo consiliare democratico

next
Articolo Successivo

Europee, a Milano la reunion di Renzi e Calenda. I due all’attacco di Lega e M5s: “Ora di restituire ceffoni”

next