Istituita nel 1959, la Corte di Giustizia ha sede in Lussemburgo. È composta da un giudice per ogni Stato membro, più 11 avvocati generali, nominati in maniera congiunta dagli Stati membri con un mandato (rinnovabile) di sei anni. Il suo ruolo è quello di interpretare il diritto dell’Ue per garantire che sia applicato allo stesso modo in tutti gli Stati membri e di dirimere le controversie giuridiche tra governi nazionali e istituzioni dell’Unione europea. Anche singoli cittadini, imprese, o organizzazioni possono appellarsi alla Corte se vogliono intraprendere un’azione legale contro un’istituzione europea e pensano che questa abbia violato i loro diritti. Oltre alla Corte è previsto anche un Tribunale, composto da 47 giudici (che aumenteranno a 52 nel corso del 2019) che ha il compito di giudicare sui ricorsi per annullamento presentati da privati cittadini, imprese e, in alcuni casi, governi di Paesi dell’Ue. Se ci si ritiene lesi personalmente da un’istituzione Ue ci si può rivolgere direttamente al tribunale, altrimenti il procedimento deve passare tramite i tribunali nazionali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Puglia, assessore Pd sostiene Lega alle Europee: verso mozione di sfiducia di tutto il gruppo consiliare democratico

prev
Articolo Successivo

Europee, a Milano la reunion di Renzi e Calenda. I due all’attacco di Lega e M5s: “Ora di restituire ceffoni”

next