Il Consiglio dell’Ue, da non confondere con il Consiglio europeo e con il Consiglio d’Europa, riunisce i ministri dei governi di ciascun Stato membro. Non ha una configurazione permanente, ma si riunisce in dieci diverse composizioni a seconda della materia di cui si deve discutere. Quindi, per esempio, se si deve decidere in materia economica si riunirà l’Ecofin, vale a dire l’insieme dei ministri dell’Economia e delle Finanze di ciascuno Stato. L’attuale presidente dell’Ecofin è il ministro delle Finanze del Portogallo Mario Centeno.

Assieme al Parlamento europeo, il Consiglio dell’Ue è il principale organo decisionale. Tra i suoi compiti c’è quello, appunto, di negoziare e adottare le leggi, assieme al Parlamento europeo, basandosi sulle proposte della Commissione. Sempre insieme all’Assemblea, inoltre, approva il bilancio. Sulla base di quanto deciso in Consiglio europeo, i membri del Consiglio dell’Ue elaborano la politica estera e di sicurezza dell’Ue. I ministri di ciascun governo possono, inoltre, impegnare i rispettivi paesi a portare avanti quanto deciso in Consiglio. Solo il consiglio degli Affari esteri ha un presidente permanente, l’Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell’Ue, ruolo rivestito oggi da Federica Mogherini. Gli altri consigli sono guidati a turno dal ministro del Paese a cui spetta la presidenza che ruota ogni sei mesi e che ora è in mano alla Romania. Le decisioni, di norma, vengono adottate con una maggioranza qualificata. Fanno eccezione le materie delicate, come la politica estera o la fiscalità, che richiedono l’unanimità.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Puglia, assessore Pd sostiene Lega alle Europee: verso mozione di sfiducia di tutto il gruppo consiliare democratico

next
Articolo Successivo

Europee, a Milano la reunion di Renzi e Calenda. I due all’attacco di Lega e M5s: “Ora di restituire ceffoni”

next