La mafia foggiana è una “grande questione del Paese”, tanto importante da meritare “una risposta durissima” dello Stato. Articolata su tre livelli, spiegò il ministro dell’Interno Marco Minniti a ventiquattr’ore dalla strage di San Marco in Lamis, nella quale morirono 4 persone tra cui due innocenti. Di quei piani d’intervento contro i clan della Capitanata, uno è già in ritardo di due settimane e – secondo fonti consultate da ilfattoquotidiano.it – lieviterà fino ad almeno quaranta giorni rispetto alla data fissata dal responsabile del Viminale. Fu l’ultimo degli annunci di Minniti, dopo i 192 uomini in più spediti in Puglia e l’istituzione a San Severo di un Reparto prevenzione crimine della polizia: la firma di un protocollo d’intesa con la Regione Puglia per destinare corpose risorse del Pon Sicurezza e del Por alla provincia di Foggia. “Sperimenteremo qui le tecnologie migliori”, aggiunse. E fissò una data: “Un appuntamento ardito, il 30 agosto”. Quando scandì quelle parole mancavano venti giorni e in effetti alla fine non sono bastati.

Non sono state sufficienti neanche le prime due settimane di settembre e, sostengono fonti qualificate a ilfattoquotidiano.it, la firma del protocollo d’intesa arriverà tra circa un mese, ad ottobre inoltrato. Con un ritardo, insomma, di almeno 40 giorni rispetto alla data annunciata. “Le istruttorie sono avviate, il lavoro è quasi concluso e c’è una possibile data, ma non è ancora stata ufficializzata”, assicurano da Bari. L’intento di ministero e Regione è quello di sperimentare le migliori tecnologie possibili in provincia di Foggia affinché possano essere di supporto all’azione degli investigatori e del controllo del territorio. Minniti parlò di impianti di video-sorveglianza in grado di leggere le targhe delle auto, di sistemi satellitari e droni. “Il ministro considera questo quadrante strategico per la sicurezza di questo Paese”, concluse riferendosi ai traffici di droga sempre più intesi tra il Gargano e l’Albania.

Proprio quelli che potrebbero essere alla base della strage di San Marco in Lamis del 9 agosto nella quale, oltre al presunto boss Mario Luciano Romito, vennero freddati anche suo cognato e due contadini innocenti, scambiati forse dal commando per i guardaspalle del capoclan. I quattro morti hanno fatto lievitare a 17 il numero delle vittime dall’inizio dell’anno nella guerra di mafia in provincia di Foggia. Uno scenario di guerra che era già chiaro ai sindaci e agli investigatori della provincia, come raccontò a giugno ilfattoquotidiano.it in un’inchiesta, ma rimasto sottotraccia fino alle eclatanti azioni dei killer prima a Vieste, a fine luglio, e poi a San Marco in Lamis. Solo a quel punto è partita la “risposta durissima” con 192 uomini in più distribuiti in provincia. Secondo lo stesso ministero dell’Interno, tuttavia, nella pianta organica ne mancano 181 e quindi, rispetto alla normale dotazione prevista per il territorio, le unità “reali” di rinforzo sono appena undici.

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia, Papa Francesco: “È segno di una politica deviata, attecchisce e si sviluppa dove c’è corruzione”

next
Articolo Successivo

Mafia, sciolto il comune di Valenzano: un anno fa la mongolfiera con dedica al boss. Ma il sindaco: “Clan? Non esistono”

next