Tra i fiumi Swan e Canning, sulla punta meridionale dell’Ovest dell’Australia. Qui sorge Perth. Una città di grattacieli e spiagge. Dove il sole incontra l’Oceano Indiano e un vento dolce, appena fresco, culla i sogni di chi la abita. Il 4 aprile 1979 è un mercoledì e Heathcliff Andrew Ledger inizia il suo viaggio.

Un volo breve, ma intenso. Con quel respiro che si spezza un pomeriggio di gennaio, quando Heath ha solo 29 anni ma già si porta appresso il chiacchiericcio di chi vede in lui l’erede di Marlon Brando. Un talento unico, di quelli che segnano una generazione – che poi è la stessa di Leonardo DiCaprio, per fare un nome -, ma non solo. Uno di quegli attori rari, che sanno incendiare un po’ di vita ogni volta che vanno in scena. Che sanno prendere un personaggio e farlo palpitare. Proprio come lui ha fatto con le maschere tristi, folli e vive di Ennis Del Mar e del Joker.

I segreti di Brokeback Mountain e Il cavaliere oscuro, due pellicole forse bastano per ricordare un uomo. Proviamoci.

Heath Ledger oggi avrebbe compiuto 40 anni. Tutto quello che non sapete sui film che lo hanno reso immortale

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

David di Donatello 2019: come sta il cinema italiano?

prev
Articolo Successivo

Dolceroma, rocambolesco brulicante irrefrenabile e inarrestabile film sull’industria cinematografica

next