Il suo terrore era di essere arrestato, poi dopo il tribunale della libertà ha riavuto il passaporto e io gli dicevo: ‘A questo punto tu devi essere perfetto, non devi neanche guardare cose strane su internet, devi conoscere le persone giuste’, e mi sembrava che lo facesse”. Ad affermarlo è Valeria Collina, la madre di Youssef Zaghba, il terrorista italo-marocchino identificato come il terzo attentatore di Londra. La donna si è lasciata intervistare nella sua casa a Fagnano di Valsamoggia, in provincia di Bologna, e l’audio è stato diffuso su alcuni media.

“Al fast food di Londra lavorava molto, anche 10 ore al giorno, e questo mi faceva stare tranquilla”, ha aggiunto la donna. “Poi è successo quello che è successo. Una cosa orribile che non avrebbe dovuto succedere e che non deve accadere mai più. Io farò il possibile, per quel poco che posso fare, per evitare questo. Ci vuole soprattutto grande educazione per i giovani.  La prima radicalizzazione è stata su Internet. Bisogna fare controinformazione”. “L’Islam che conosco non è questo – ha aggiunto -. Io ho scelto l’Islam perché penso che sia la vera religione ma rispetto tutte le altre, questo è quello che ho sempre pensato”. Alla domanda se il terrorismo è sintomo di ignoranza la donna non ha dubbi: “Assolutamente”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, buste bomba recapitate a due pm: ordigni artigianali che potevano esplodere

next
Articolo Successivo

Attentato Londra, l’avvocato d’ufficio: “Addolorata, ho fatto solo il mio lavoro”

next