Pietro Leeman, Il sale della vita (Mondadori, Madeleines Extra, 16,90)

pietroProfondo e toccante. Questi i due aggettivi per descrivere le pagine che raccontano la storia della poliedrica figura di Pietro Leemann, chef del Ristorante Joia, unico stellato vegetariano in Italia. Quello raccontato ne “Il sale della vita” è un percorso di crescita e cambiamento spirituale, fatto dal cuoco svizzero. E’ un libro metafisico, che racconta la trasformazione di Pietro da onnivoro a vegetariano. Una scelta etica, vissuta nel rispetto di tutte le creature. Una lettura che ci riequilibra con il mondo, come la sua cucina, profondamente emozionale e armoniosa. Una chiacchierata con Leemann rasserena, leggere il suo libro fa pensare e cambiare.

A chi regalarlo: a chi ha la sensibilità di comprendere e il coraggio di cambiare

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Natale 2015, ecco i “magnifici sette”: i pandori e i panettoni più buoni d’Italia

next
Articolo Successivo

Natale 2015, un menù all’insegna del recupero e dell’anti-spreco: i consigli di Simone Ceppaglia e Chiara Fiorello

next