The NoMad Cookbook, Danile Humm e Will Guidara (Ten Speed Press, 92,00 euro)

thenomadLo Chef Daniel Humm e il suo compagno d’affari Will Guidara sono proprietari di due dei ristoranti più straordinari e pionieristici di New York: l’Eleven Madison Park e The NoMad. La loro brigata è conosciuta non solo per i piatti perfetti, la cucina innovativa, ma anche per creare straordinarie esperienze a tavola.
Quello che sembra un tradizionale libro di cucina in realtà è l’unione di due volumi: una volta aperto, i lettori scoprono che l’ultima metà contiene “pagine false”, tra le quali è nascosto un piccolo ricettario sui cocktail.
Un libro che non si ferma a raccontare le ricette dello chef, ma parla anche dei drink, fotografati da Francesco Tonelli.

A chi regalarlo: a chi vuole scoprire cosa c’è nella mente di uno degli chef più famosi al mondo

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Natale 2015, ecco i “magnifici sette”: i pandori e i panettoni più buoni d’Italia

next
Articolo Successivo

Natale 2015, un menù all’insegna del recupero e dell’anti-spreco: i consigli di Simone Ceppaglia e Chiara Fiorello

next