FQ MAgazine

Milano, pizza margherita: dove mangiarla davvero (altro che Carlo Cracco) spendendo meno di 16 euro

Ecco 5 indirizzi con pro e contro, ma sicuramente - crediamo di poterlo dire - capaci di sfornare pizze più napoletane in senso stretto di quelle del rinomato cuoco vicentino, finito al centro di ironie e polemiche per la sua interpretazione del più grande classico partenopeo

Carlo Cracco, la sua pizza margherita fa inorridire la Rete: “Non ha niente a che vedere con la napoletana”. Ma pare che sia buona

I cronisti di Napoli.fanpage.it che l'hanno assaggiata assicurano che è buona anche se ci tengono a dare "un consiglio spassionato allo chef: scenda dalle stelle e venga tra i vicoli di Napoli, non dai pizzaiuoli star, ma tra quelli che quotidianamente, tra i vicoli, senza sosta, preparano pizzelle a portafoglio, sontuose pizze fritte e calzoni

Cime di rapa: ricette, pulizia e storia dell’ortaggio re dell’inverno. La morte loro? Non solo con le orecchiette

Arrivato dall'Oriente, viene coltivata soprattutto in Puglia, Lazio, Campania e Molise. Celeberrimo l'accostamento con la pasta fresca pugliese, ma ecco come può diventare uno squisito antipasto o contorno

Carlo Cracco, siamo stati nel suo nuovo ristorante in Galleria a Milano (FOTO)

Atmosfere modello bar alla Shining di Kubrick e sfondi de Il Grande Gatsby di Baz Luhrmann per i quattro piani: cantina con degustazione, bar bistrot direttamente tra i passanti, ristorante per la cena, spazio di lusso all’ultimo piano

Tiramisù da guinness Veneto accusa Friuli di aver “barato aggiungendo la panna”. “No, è tra ingredienti in regolamento”

Chi contesta l'utilizzo della panna "non conosce bene la storia del tiramisù: nella sua forma arcaica - spiega Mirko Ricci - Questa è l’ennesima polemica inutile"

Paul Bocuse, morto a 91anni il più grande chef della cucina francese

Il grande cuoco, padre della cucina francese, era nato l’11 febbraio 1926 nella cittadina vicino Lione e da anni era ammalato di Parkinson

Pomodoro, dopo la mozzarella nuova guerra Campania-Puglia: “Igp pelato di Napoli”. “Ma lo coltiviamo nel Foggiano”

Il Comitato promotore per il marchio di tutela del pomodoro pelato ha presentato a luglio scorso la domanda per il riconoscimento dell’Indicazione geografica protetta. A dicembre scorso il comitato aveva ottenuto l’assenso da quasi tutte le Regioni coinvolte. Quasi, appunto. Perché mancava e manca ancora la Regione guidata da Michele Emiliano. Che ha radunato i produttori della Capitanata

Gualtiero Marchesi, i funerali a Milano. Tanti gli chef presenti, Davide Oldani: “È stato lo Steve Jobs della cucina”

In molti hanno voluto rendere omaggio al maestro innovatore della cucina italiana scomparso il 26 dicembre all'età di 87 anni
×

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×