Noi non ci immischiamo con Falcone e Borsellino, queste vergogne sono“. Sono le parole di Maurizio Di Fede, uno dei mafiosi fermato nell’operazione Tentacoli della Squadra mobile di Palermo, intercettato mentre si rivolge a un’amica che voleva mandare la figlia a una manifestazione in ricordo della strage di Capaci. Di Fede, di fatto, le vieta di mandare la bambina: “Non ti permettere, io mio figlio mai l’ho mandato a queste cose… vergogna”. Nei giorni successivi Di Fede si assicura che la figlia dell’amica non partecipi al corteo: “Là dove deve andare la bambina, la sbirra. Falcone, minchia che cosa inutile”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Blitz antimafia a Palermo, il negoziante pagava il pizzo ma diceva al boss: “Non mettermi nel libro mastro” – le intercettazioni

next
Articolo Successivo

Il boss Leoluca Bagarella prende a pugni un poliziotto in carcere. Il legale: “Ha gravi problemi di salute”

next