La camorra ha preso il posto della mala del Brenta in Veneto. Lo sostiene il procuratore nazionale Antimafia Federico Cafiero De Raho commentando l’operazione della guardia di finanza e della polizia, coordinata dalla procura di Venezia, che ha portato a 50 arresti, 11 obblighi di dimora e un sequestro preventivo di beni per 10 milioni di euro. È il secondo colpo alla mafia infiltrata al Nord nel giro di una settimana. Sette giorni fa il Ros aveva toccato la ‘Ndrangheta, arrestando 7 persone legate alla famiglia Multari, grazie a un’inchiesta iniziata nel 2017 dalla Dda di Venezia.

Sindaco arrestato per voto di scambio – Questa volta però i tentacoli dei clan coinvolgono la politica. Tra gli arrestati ci sono anche Mirco Mestre, sindaco di centrodestra di Eraclea (località balneare in provincia di Venezia), e un agente del commissariato di JesoloMoreno Pasqual. Mestre, che è avvocato, era stato eletto primo cittadino nel maggio 2016, con una lista civica di centrodestra: è il primo caso di sindaco sindaco coinvolto in un’operazione antimafia in Veneto. È finito sotto inchiesta per il reato di scambio politico-elettorale riferito all’elezione nel 2016 vinta per soli 81 voti di scarto sul rivale, grazie a gli oltre 100 voti procuratigli dal gruppo camorristico del quale aveva sollecitato l’intervento. Il primo cittadino avrebbe anche indicato i candidati della propria lista su cui convogliare le preferenze, poi eletti, in cambio di favori su istanze amministrative presentate da società controllate dagli uomini del clan. Il poliziotto, invece, è accusato di aver fornito informazioni riservate ai malavitosi su indagini nei loro confronti, accedendo illecitamente alle banche dati di polizia, e di averne garantito protezione e supporto in seguito a controlli da parte di altre forze dell’ordine.

Gli altri arrestati – L’operazione di oggi, denominata At least, ha visto la partecipazione di oltre 300 uomini e si è estesa per tutto il territorio nazionale, a partire da Venezia, ma anche a Casal di Principe, in provincia di Caserta, e in altre località. L’indagine è stata condotta dal Gico del nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di Finanza di Trieste e dalla squadra mobile di Venezia. A coordinare l’inchiesta è il sostituto procuratore veneziano Roberto Terzo, mentre l’ordinanza con i provvedimenti restrittivi – oltre 1.100 pagine – è stata emessa dal gip Marta Paccagnella. Il gruppo è legato ai clan Bianco e Bidognetti, il cui boss Francesco è conosciuto come ‘Cicciotto ‘e mezzanotte‘. Capi indiscussi nel veneziano erano Luciano Donadio e Raffaele Buonanno, nato in Campania ma già nel veneziano negli anni ’90. Con loro un gruppo proveniente da Casal di Principe come Antonio Puoti, Antonio Pacifico, Antonio Basile, Giuseppe Puoti e Nunzio Confuorto che hanno, nel tempo assoldato persone campane e veneziane come Girolamo Arena, Raffaele Celardo e Christian Sgnaolin. L’attività dei clan in Veneto è cominciata con il tradizionale pizzo lungo l’asse della costiera Adriatica, da San Donà di Piave a Jesolo passando per Eraclea e fino a Caorle. Secondo gli investigatori i Casalesi sono riusciti ad entrare nel tessuto connettivo dell’area: prima prestando denaro a tassi usurai, poi acquisendo i beni di chi non pagava e che diventava a sua volta ‘socio in affari’. Infine allargando l’attività al traffico di armi, alle rapine e a una fitta rete di prostituzione e spaccio di droga.

“Hanno soppiantato la mala del Brenta” – “Questa organizzazione ha soppiantato la Mala del Brenta, assorbiti in struttura. Il clan era talmente in grado di controllare il territorio da entrare in contatto con altre organizzazioni, diventando il riferimento territoriale per la ‘Ndrangheta, che dove necessario faceva riferimento ai Casalesi”, ha spiegato il procuratore nazionale antimafia  De Raho in conferenza stampa.L’analisi del numero uno di via Giulia è proseguita portando un esempio: “Uno dei rapporti menzionati è quanto capitato a un direttore bancario, la fidanzata aveva subito il furto di una valigetta con tesi. Lui si è rivolto a loro per recuperarla, in meno di 24 ore tutto è stato restituito. La capacità di questo soggetto era anche di influire con la banca. Sono modalità con cui i soggetti si sono affermati verso l’impresa, la politica, la parte sana del territorio che anziché far da barriera si sono avvalsi della Camorra per ottenere risultati”. De Raho ha poi spiegato che l’attività investigativa anticamorra “è enorme, parte addirittura dal 1996, in essa sono stati riversati elementi che compaiono da oltre 20 anni, personaggi che hanno sviluppato un ruolo camorristico di rilievo da tantissimo”. Nel Veneto orientale, ha sottolineato De Raho, “la Camorra non si comporta diversamente che in Campania o altre regioni. Quel che è avvenuto altrove è stato replicato. In questo territorio di volta in volta venivano svolti gli elementi sintomatici, le estorsioni, e su queste si interveniva con arresti, e già da anni emergeva una modalità mafiosa di agire sul territorio”.

Gli affari del clan: riciclaggio, usura, estorsione, rapine – “Il clan dei Casalesi in Veneto agiva in tutti i settori: riciclaggio, usura, estorsione, rapine, prostituzione, lavoro in nero e caporalato”, ha detto il procuratore di Venezia Bruno Cherchi, In pratica uomini della camorra riciclavano denaro finanziando imprese locali di varia natura, specie nell’edilizia, quindi applicavano tassi usurai e passavano all’estorsione sia a favore degli assistiti, se indebitati, che direttamente sugli stessi imprenditori. Il denaro accumulato, anche con rapine, veniva poi convogliato nella gestione della droga e della prostituzione con l’aiuto di commercialisti per assumere persone sfuggendo alla fiscalità, se non addirittura in nero o attraverso il caporalato. “Il fatto gravissimo – ha detto Cherchi – è che le vittime, specie dell’usura, venivano costrette a partecipare all’attività camorristica arricchendo sempre di più il tessuto malavitoso di fatto conquistando il territorio lungo la costa da San Donà di Piave a Eraclea, Caorle e Jesolo”.

Zaia: “Ringrazio investigatori” –  Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha ringraziato “a nome di tutta la gente per bene” il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho e il procuratore distrettuale di Venezia Bruno Cherchi. “Credo di interpretare il sentimento dei Veneti – ha aggiunto il governatore – nel rivolgere un ringraziamento riconoscente a tutti gli uomini e le donne delle Forze dell’Ordine che si sono impegnati per il successo del blitz. Oggi la giornata comincia davvero nel migliore dei modi“. Anche il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha commentato su twitter: “Notizie di questo tipo vanno cominciare bene la giornata. Grazie alla Guardia di Finanza e alla Polizia, che hanno eseguito questa brillante operazione con il coordinamento della Dda di Venezia. Vogliamo inseguire i boss e i loro sporchi affari ovunque siano“, ha scritto in un primo tweet.