“Pensate ai giornalisti che subiscono le minacce, come Sandro Ruotolo e tanti altri: su di loro incombe il pericolo e il rischio della loro incolumità. Da noi deve partire un’azione di condivisione, di aiuto, di sostegno. E’ necessario che ciascuno si senta effettivamente protetto e che abbia una rete attorno. Se questa rete parla dell’esigenza di protezione e delle persone a rischio, queste ultime non vengono toccate”. Sono le parole del procuratore nazionale Antimafia, Federico Cafiero De Raho, dal palco di “Contromafiecorruzione” a Trieste, a proposito della revoca della scorta al giornalista Sandro Ruotolo.
Solidarietà incondizionata da Lorenzo Frigerio, membro della segreteria nazionale di Libera e coordinatore della Fondazione Libera Informazione. Frigerio, nel corso dell’evento, ha definito “profondamente sbagliata” la decisione riguardante il giornalista. Ieri, informa l’associazione, non appena si era diffusa la notizia, il presidente don Luigi Ciotti aveva telefonato al giornalista per esprimere vicinanza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sandro Ruotolo, togliergli la scorta è pericoloso. Le sentenze di mafia non hanno scadenza

prev
Articolo Successivo

Matera, estorsioni e rapine: maxi-blitz antimafia sul litorale jonico. 17 arresti

next