AMICI COME PRIMA di e con Christian De Sica. Con Massimo Boldi, Regina Orioli, Maurizio Casagrande. Italia 2018. Durata: 85’. Voto 2/5 (DT)

Dopo 40 anni di lavoro come direttore di alberghi di lusso, Cesare Proietti viene licenziato senza preavviso dalla figlia del proprietario del Grand Relais Colombo. Si inventerà badante sciantosa e formosa en travesti per l’anziano miliardario Colombo, allupato e irrefrenabile milanesotto tutti dedito a prostitute e trans che passa la maggior parte del tempo su una carrozzina. Dopo la lite di 13 anni fa la coppia d’oro della risata torna al cinema a Natale. De Sica riutilizza senza eccessi il personaggio di Jerry in Belli freschi di Oldoini. Boldi finto paralitico con linguino di fuori, pompetta alla Berlusconi e tic folli,  non è una caratterizzazione da buttar via. Commedia degli equivoci, battute volgari, riferimenti sessuali che si sprecano, e il tormentone del rapporto orale che Colombo vuole da Proietti a sfiorare gli alti livelli scatologici della “cacca” di Sognando la California. Manca comunque una regia robusta che crei collante tra le scene e non si dedichi solo a oggettive dal basso o dall’alto che sanno di magniloquente casualità. Non una sciocchezza natalizia delle solite, ma nemmeno un maturo colpo di coda. Sceneggiato, tra gli altri, da Fausto Brizzi.