AMICI COME PRIMA di e con Christian De Sica. Con Massimo Boldi, Regina Orioli, Maurizio Casagrande. Italia 2018. Durata: 85’. Voto 2/5 (DT)

Dopo 40 anni di lavoro come direttore di alberghi di lusso, Cesare Proietti viene licenziato senza preavviso dalla figlia del proprietario del Grand Relais Colombo. Si inventerà badante sciantosa e formosa en travesti per l’anziano miliardario Colombo, allupato e irrefrenabile milanesotto tutti dedito a prostitute e trans che passa la maggior parte del tempo su una carrozzina. Dopo la lite di 13 anni fa la coppia d’oro della risata torna al cinema a Natale. De Sica riutilizza senza eccessi il personaggio di Jerry in Belli freschi di Oldoini. Boldi finto paralitico con linguino di fuori, pompetta alla Berlusconi e tic folli,  non è una caratterizzazione da buttar via. Commedia degli equivoci, battute volgari, riferimenti sessuali che si sprecano, e il tormentone del rapporto orale che Colombo vuole da Proietti a sfiorare gli alti livelli scatologici della “cacca” di Sognando la California. Manca comunque una regia robusta che crei collante tra le scene e non si dedichi solo a oggettive dal basso o dall’alto che sanno di magniloquente casualità. Non una sciocchezza natalizia delle solite, ma nemmeno un maturo colpo di coda. Sceneggiato, tra gli altri, da Fausto Brizzi.

Film in uscita al cinema, da Amici Come Prima a Il Ritorno di Mary Poppins: cosa ci è piaciuto e cosa decisamente no

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mary Poppins Returns, meglio cento volte la Mrs. Doubtifire di Robin Williams. Ed è tutto dire

prev
Articolo Successivo

Un Natale da cani: Dogman, Isle of dogs e Rabbia furiosa

next