BEN IS BACK di Peter Hedges. Con Julia Roberts, Lucas Hedges. USA 2018. Durata: 113’. Voto: 3/5 (AMP) 

Tornare a Natale e sperare che la famiglia lo accolga come il figlio prodigo. Ma non è così, e Ben questo lo sa. Cerca di convincere i suoi e la sorellina che non ci cascherà più, che è la dipendenza sta per essere vinta una volta per tutte. Solo sua madre gli offre una chance, quella che vale il loro rapporto di fiducia assoluta. Nel nuovo filone “Made in USA” dei junkie junior (vedi anche Beautiful Boy) Ben is Back dello scrittore e regista Peter Hedges trova una sua collocazione più che dignitosa, specie perché al centro non è più – come accadeva nei dark Eighties – l’orrore dell’esser tossico ma tutto ciò che lo circonda. In questo caso sotto esame microscopico è il rapporto fra il 19enne Ben e sua madre Holly. Ça va sans dire che per ottenere un buon risultato era necessario disporre di due grandi attori e Hedges li trova in primis in una Julia Roberts sempre più “mater courage” (vedi Wonder uscito lo scorso anno sempre a Natale..) e soprattutto in suo figlio Lucas, già prodigioso in Manchester by the Sea che lo vide baby candidato agli Oscar. Forse Hedges jr doppierà e anche la Roberts potrebbe entrare nella cinquina degli Academy Awards, ma ciò che conta è che l’intimo dramma famigliare funziona e l’effetto è sui volti e negli animi degli spettatori. Celebrato film di chiusura di Alice nella Città 2018.

Film in uscita al cinema, da Amici Come Prima a Il Ritorno di Mary Poppins: cosa ci è piaciuto e cosa decisamente no

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mary Poppins Returns, meglio cento volte la Mrs. Doubtifire di Robin Williams. Ed è tutto dire

prev
Articolo Successivo

Un Natale da cani: Dogman, Isle of dogs e Rabbia furiosa

next