BUMBLEBEE di Travis Knight. Con Hailee Steinfeld, George Lendeborg Jr., Megyn Price. Usa 2018. Durata: 113’. Voto 4,5/5 (DT)

1987, dalle parti della costa californiana. Il transformer Autobot B-127 è in avanscoperta sulla terra ma, inseguito da due crudeli nemici Decepticon, e da un gruppo di militari statunitensi, soccombe. Lo ritrova, trasformato in un maggiolino Volkswagen e senza più software audio, l’adolescente maschiaccio Charlie. Una ragazzina bistrattata delle compagne ganze, orfana di padre, appassionata meccanica, walkman con gli Smiths a palla. Paura e stupore fanno spazio ad un’amicizia fraterna e commovente. Charlie e Bumblebee salveranno la terra dall’invasione Decepticon. Straordinaria, disinvolta, spassosa favola sci-fi vintage che ci riporta ai favolosi ottanta tra telefilm, motorini, radioline, vhs e musicassette. Script senza una sbavatura che una di Christina Hodson, zeppo di idee, spunti e stimoli narrativi, come di rimandi tra il comico e il romantico, tra lo spielberghiano e lucasiano, tra il superhero movie e i fazzoletti per le lacrime. Quando B-127 si accuccia in un angolo e Charlie lo battezza Bumblebee si intravede una tenerezza degna di ET. John Cena è il militare nerboruto e ottuso. La Steinfeld era la Mattie Ross de Il Grinta dei Coen. Fate agire la sospensione dell’incredulità e ne uscirete felici e commossi.

Film in uscita al cinema, da Amici Come Prima a Il Ritorno di Mary Poppins: cosa ci è piaciuto e cosa decisamente no

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mary Poppins Returns, meglio cento volte la Mrs. Doubtifire di Robin Williams. Ed è tutto dire

prev
Articolo Successivo

Un Natale da cani: Dogman, Isle of dogs e Rabbia furiosa

next