LA PRIMA PIETRA di Rolando Ravello. Con Corrado Guzzanti, Lucia Mascino, Valerio Aprea. Italia 2018. Durata: 77’. Voto: 3,5/5 (AMP)

Metti un preside di scuola elementare ossessionato dal Natale esaltato dalla recita dei suoi piccoli alunni. E metti, soprattutto, uno di questi a lanciare (colpevolmente?) una pietra rompendo una vetrata dell’edificio e ferendo due bidelli. Se ci aggiungi che il bimbo è figlio di immigrati mussulmani mentre i bidelli sono ebrei, la guerra è dichiarata. Chi pagherà per il danno commesso? Gioco al massacro dalla pregiata firma teatrale di Stefano Massini – dalla cui piece il film deriva – La prima pietra è un inno al “fare cinema” in unità di tempo (una giornata) e spazi (la scuola e il suo cortile) con vis comica e capacità di scavare nella denuncia socio-politica. Coralità esemplare in un cast perfetto su cui spicca – naturalmente – l’estro del “preside” Corrado Guzzanti.

Film in uscita al cinema, da Amici Come Prima a Il Ritorno di Mary Poppins: cosa ci è piaciuto e cosa decisamente no

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mary Poppins Returns, meglio cento volte la Mrs. Doubtifire di Robin Williams. Ed è tutto dire

prev
Articolo Successivo

Un Natale da cani: Dogman, Isle of dogs e Rabbia furiosa

next