IL RITORNO DI MARY POPPINS di Rob Marshall. Con Emily Blunt, Lin-Manuel Miranda, Ben Whishaw. USA/GB 2018. Durata: 130’. Voto: 3,5/5 (AMP) 

A oltre 50 anni dal primo e “inimitabile” capolavoro per famiglie ci prova Rob Marshall a sfidare il mito. E, a modo suo, ci riesce. Perché la magia è intatta e l’eroina che piove dal cielo concepita da P.L. Travers non può che trovarsi a proprio agio nella verve e nel bellissimo volto della Blunt. Dunque nessun rimpianto perché Il ritorno di Mary Poppins non pretende di adombrare il suo prototipo d’eccellenza ma ne segue garbatamente stili e atmosfere, musiche (originali e piacevoli, anche se quel Supercalifragilistichespiralidoso e co restano unici..) e mescolanze di genere e tecniche, con un’animazione che dialoga alla perfezione con il live action. Il racconto è ambientato 25 anni dopo il primo film, siamo in piena Depressione e profonda crisi del giovane neovedovo Michael Banks (Whishaw) che altri non è che uno dei fratellini cresciuti da Mary Poppins nella capitolo del ‘64. Lui ora è padre di tre “mocciosi” simpatici ma toccati dalle difficoltà del papà e dalla mancanza della mamma. Ovviamente ci pensa Mary Poppins a sistemare le cose, e con lei Jack, l’amico acciarino (non più spazzacamini, ormai..) incarnato dal divo di Hamilton Lin-Manuel Miranda. Zucchero (quanto basta) e camei amarcord: gli ultra novantenni Dick Van Dyke (magnifica e ultima icona vivente del brand..) e Angela Landsbury, l’attrice britannica finora più longeva.  Perché il tempo in Mary Poppins è relativo…almeno finché al Big Ben si possono spostare le lancette.

Film in uscita al cinema, da Amici Come Prima a Il Ritorno di Mary Poppins: cosa ci è piaciuto e cosa decisamente no

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mary Poppins Returns, meglio cento volte la Mrs. Doubtifire di Robin Williams. Ed è tutto dire

prev
Articolo Successivo

Un Natale da cani: Dogman, Isle of dogs e Rabbia furiosa

next