LA DONNA ELETTRICA di Benedikt Erlingsson. Con Halldóra Geirharðsdóttir, Jóhann Sigurðarson, Davíð Þór Jónsson. Francia/Islanda/Ucraina 2018. Durata: 101’. Voto 4/5 (DT)

Tranquilla e insospettabile direttrice di un coro, l’islandese Halla, tutta casa e bicicletta, si trasforma in determinata ed energica sabotatrice di piloni dell’elettricità con arco, frecce e tritolo per cacciare dal suolo islandese le multinazionali (cinesi) “psicopatiche” che voglio distruggere l’ambiente e il suo paese. Ma polizia, servizi segreti e droni presto le finiscono alle calcagna e lei si rifugia e mimetizza tra pecore e lande desolate. Folgorante racconto ribelle al femminile di una battaglia rivoluzionaria alla Davide contro Golia che sa di universale. Fonte sonora sempre in campo (tre musicisti islandesi e tre coriste ucraine), simbiosi commovente uomo, anzi donna, natura, e una vaga aria alla Roy Andersson che rende l’insieme surreale e spassoso.

Film in uscita al cinema, da Amici Come Prima a Il Ritorno di Mary Poppins: cosa ci è piaciuto e cosa decisamente no

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mary Poppins Returns, meglio cento volte la Mrs. Doubtifire di Robin Williams. Ed è tutto dire

prev
Articolo Successivo

Un Natale da cani: Dogman, Isle of dogs e Rabbia furiosa

next