CAPRI-REVOLUTION di Mario Martone. Con Marianna Fontana, Antonio Folletto, Donatella Finocchiaro. Italia 2018. Durata: 122’ Voto: 4/5 (DT) 

Capri, a ridosso della prima guerra mondiale. La giovane analfabeta capraia Lucia, oppressa da tradizione patriarcale maschilista familiare, scopre la vita libera della comune del giovane pittore ed intellettuale Seybu: prima è diffidente, poi ne è attratta, infine ne diventa parte attiva. Film riuscito, profondo, coinvolgente, sulla liberazione dei corpi e degli individui dalle convenzioni politico-culturali di allora come di oggi. Tensione dialettica viva e costruttiva tra materia e spirito, tra massimalismo e riformismo progressista, tra pacifismo e interventismo umanitario, con coté vegetariano senza crepitii o urla dal loggione. Va bene, la visione dei film di Martone è spesso ostica, ma c’è una tale lucidità nella riflessione, una purezza di scrittura e direzione d’attori, e una tale magia nella messa in scena, che non si può intellettualmente resistere. Tratto dal fatto storico realmente accaduto a Capri ai primi del Novecento con protagonista Karl Diefenbach.

Film in uscita al cinema, da Amici Come Prima a Il Ritorno di Mary Poppins: cosa ci è piaciuto e cosa decisamente no

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mary Poppins Returns, meglio cento volte la Mrs. Doubtifire di Robin Williams. Ed è tutto dire

prev
Articolo Successivo

Un Natale da cani: Dogman, Isle of dogs e Rabbia furiosa

next