A distanza di ventidue anni dalla morte, il tribunale civile di Palermo ha stabilito un risarcimento di 2,2 milioni di euro per  la famiglia del piccolo Giuseppe Di Matteo, il 12enne rapito, tenuto sotto sequestro per oltre due anni e infine sciolto nell’acido dai boss di Cosa Nostra nel 1996. A pagare, se la sentenza diventerà definitiva, dovranno essere cinque mafiosi e un collaboratore di giustizia, già condannati in via definitiva per il rapimento e l’omicidio del dodicenne. Si tratta del boss di Brancaccio Giuseppe Graviano, di Benedetto Capizzi, Cristoforo Cannella, Francesco Giuliano e Luigi Giacalone, nonché del pentito Gaspare Spatuzza. Però, essendo stati i loro patrimoni sequestrati, sarà in realtà lo speciale fondo dello Stato per le vittime di mafia a versare la somma.

Il risarcimento, che, sottratti i 400mila euro già concessi in sede penale a titolo di provvisionale ai parenti della vittima, sarà di circa un milione ed ottocentomila euro, è stato riconosciuto alla madre del ragazzino, Francesca Castellese, e al fratello Nicola. “Ciò che è stata lesa è la dignità della persona, il diritto del minore ad un ambiente sano, ad una famiglia, ad uno sviluppo armonioso, in linea con le inclinazioni personali, ad un’istruzione. Beni ed interessi di primario rilievo costituzionale che, pertanto, trovano diretta tutela, anche risarcitoria”, scrive il giudice della terza sezione del tribunale civile di Palermo, Paolo Criscuoli, secondo quanto riporta il Giornale di Sicilia.

Il piccolo Di Matteo fu rapito il pomeriggio del 23 novembre 1993 – quando non aveva ancora compiuto 13 anni -, in un maneggio di Piana degli albanesi da un gruppo di mafiosi che agivano su ordine di Giovanni Brusca, allora latitante e boss di San Giuseppe Jato. L’obiettivo era intimidire il padre del bambino, Santino, che aveva deciso di collaborare con la giustizia. Il bambino fu tenuto prigioniero per tre anni. A portarlo via un commando di mafiosi camuffati da agenti della Dia che lo convinsero a salire in auto raccontandogli che avrebbero dovuto portarlo dal padre. ‘’Papà, amore mio’’, esclamò il ragazzino, e quelle parole segnarono l’inizio di un incubo concluso la sera dell’11 gennaio 1996, quando Giovanni Brusca apprese dalla tv che era stato condannato all’ergastolo per l’omicidio di Ignazio Salvo e reagì ordinando l’omicidio del piccolo Giuseppe, tenuto attaccato ad una catena e ridotto ormai ad una larva umana.

A strangolarlo furono Enzo Chiodo ed Enzo Brusca, fratello di Giovanni, e il corpo fu poi disciolto nell’acido. Il giorno dopo il sequestro ai familiari del ragazzo fu recapitato un biglietto con la scritta ‘’tappaci la bocca’’, chiaro segnale per il padre Santino, che aveva iniziato a rivelare i segreti delle stragi mafiose. Ma a svelare gli ultimi dettagli del rapimento è stato Gaspare Spatuzza, componente del commando che rapì il ragazzino nel 1993: il pentito ha chiesto perdono alla famiglia, ma né Santino Di Matteo, né la moglie Franca Castellese, hanno accettato la richiesta.