NOEMI. Non credo si possa dare un voto alto a chi porta ancora quel colore di capelli, però non vorrei neanche farla arrabbiare. Mi fa paura. VOTO: 6

DECIBEL. in diretta live dagli anni ’80, giacca di pelle migliore di quelle Balenciaga, stile aggressivo, canzone carina. Ti aspetti un “Contessa” buttato lì da un momento all’altro, ma non accade. Peccato. VOTO: 8

ELIO E LE STORIE TESE. Lui è vestito da Aladdin, ma la canzone è super triste!!! VOTO 7, per i costumi e perché li ha raccomandati anche la Hunziker.

CACCAMO. Non pervenuto. Davvero. VOTO: RENDITI VISIBILE.

RED CANZIAN. I Pooh che si sono presentati separati sono come quando ti lasci e poi andate al matrimonio dell’amico in comune, entrambi con i rispettivi partner: gran tristezza, grande nostalgia. VOTO: 3

LUCA BARBAROSSA. uno stornello in dialetto romano di borgata a sud, tipo Garbatella. La personificazione della poraccitudine. VOTO: 2

DIODATO E ROY PACI: la porellitudine non fa il monaco ma può rovinare una bella canzone. Come in questo caso. VOTO: 8 alla canzone, 4 al mood porello.

INDIETRO

Sanremo 2018, le pagelle di Martina Dell’Ombra: rigorosamente senza pietà, come lo è chi ci ha tenuto svegli fino all’una

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2018, la canzone di Meta e Moro ha lo stesso ritornello di un brano del 2016 (AUDIO). Che cosa è successo? Proviamo a spiegarvelo

next
Articolo Successivo

Sanremo 2018, Lo Stato Sociale e la vecchina che balla: per favore ridateci la scimmia di Gabbani

next