Lo Stato Sociale è la “quota giovane”, “ex indie” (perché l’indie non esiste più, o forse non è mai esistito, come le fatine, gli gnomi e altre creature che abitano i boschi), di questa edizione del Festival. Andiamo subito al punto: Lo Stato Sociale, a Sanremo, fa esattamente quello che ci si aspetta. I cinque si presentano con un brano orecchiabile, con ritornellino orecchiabile. Una cosetta carina, niente di più. Una canzoncina che avrebbe potuto cantare Dj Francesco e nessuno avrebbe fatto uno grinza. Ora, se vai a Sanremo con una cosettacarinanientedipiù (a essere gentili), non sei conosciuto dalla tradizionale platea festivaliera e non canti nemmeno bene, il rischio è che la cosettacarinanientedipiù passi inosservata. Proprio inosservata.

Allora che si fa? L’anno scorso Gabbani ha portato la scimmia che balla e gli è andata bene. Certo, Occidentali’s Karma è un pezzo migliore di Una vita in vacanza, ma questo è un dettaglio trascurabile: quando mai si va al Festival con l’idea che la canzone conti più di tutto? Quindi, dicevamo, la scimmia che balla ha funzionato. Perché non provare con la vecchina che balla? Sì, è vero, l’hanno fatto i Coldplay in un video di qualche anno fa ma pazienza. Semmai uno dice che è una citazione, e arrivederci.

Anche perché è chiaro, di fronte a una vecchina che balla nessuno resterà indifferente. Basti pensare che a Milano, in Corso Vittorio Emanuele, ogni domenica c’è un vecchino che balla al ritmo di hit anni ’90. La gente si ferma, e guarda il suo show. La settimana scorsa, passando di lì, si potevano intercettare conversazioni di questo tipo: “Ma perché la gente si ferma a guardarlo?” “Eh, perché è un vecchino che balla“.

Quindi, va bene. Lo Stato Sociale ha una cosettacarinanientedipiù da presentare. Una cosa buona e giusta sarebbe stata presentarla senza escamotage. Mica perché uno non sa che Sanremo è anche show, intrattenimento, performance. Proprio perché lo sa: se il brano non “regge” e vuoi aggiungerci qualche elemento di coreografia, fallo bene. Oppure ridateci la scimmia che balla: confronto alla vecchiina che balla, è avanguardia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sanremo 2018, le pagelle di Martina Dell’Ombra: rigorosamente senza pietà, come lo è chi ci ha tenuto svegli fino all’una

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2018, le pagelle di Stefano Mannucci: Facchinetti strilla agonizzante, Biondi ha sbagliato locale

next