Sylvester Stallone

stalloneE’ dato per trionfatore. Sylvester Stallone, 70 anni con gloria e a 40 dal primo Rocky, sembra avere già l’Oscar tra i muscoli per la sua convincente performance da non protagonista in Creed – Nato per combattere. Sceso dal ring ma tornato nella tuta di Rocky Balboa come allenatore del figlio del suo migliore, Sly Stallone è alla sua terza nomination: le prime due, guarda caso, se le conquistò nel 1976 per l’interpretazione e la sceneggiatura del film sul mitico pugile italo-americano. A profetizzare la terna di statuette sono i premi già vinti (Golden Globe, Critics Choice, National Board of Review Award), gli scommettitori ma anche l’affetto che lega questo “campione” hollywoodiano all’immaginario di svariate generazioni in tutto il mondo.

 

 

Oscar 2016, i fantastici dieci: da DiCaprio a Fassbender, ecco tutti gli attori in corsa per la statuetta

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mózes: le incompiutezze di un ragazzo e di un padre fantasma smemorato

prev
Articolo Successivo

Fuocoammare, Lampedusa vista con gli occhi di un bambino. Cioè i nostri

next