Cinque americani, quattro britannici e un irlandese/tedesco. I Fab 10, tra protagonisti e non, a questo giro di Oscar brillano di luce hollywoodiana senza precedenti. E alcuni tra loro – Leonardo DiCaprio, Michael Fassbender, Tom Hardy e Mark Ruffalo – sono, o sono stati come l’inossidabile Stallone “Rocky” Stallone, degli autentici sex symbol. E ancora: inglesi e recidivi come i mutanti Eddie Redmayne e Christian Bale, meno famosi ma di rara qualità come la “spia” Mark Rylance, popolari grazie a serie tv stracult come Bryan Cranston, ed infine l’eroe (da salvare) a stelle&strisce per eccellenza che porta il volto assai yankee di Matt Damon. Pronostici e premi già intascati, dicono che tra i protagonisti Leonardo DiCaprio non dovrebbe avere rivali, mentre sul fronte dei “supporting actors” i giochi sono ancora aperti, benché Stallone sembra essere il favorito.

Oscar 2016, i fantastici dieci: da DiCaprio a Fassbender, ecco tutti gli attori in corsa per la statuetta

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mózes: le incompiutezze di un ragazzo e di un padre fantasma smemorato

prev
Articolo Successivo

Fuocoammare, Lampedusa vista con gli occhi di un bambino. Cioè i nostri

next