Eddie Redmayne

eddieCome da protocollo, sarà Eddie Redmayne a consegnare l’Oscar alla collega che quest’anno vincerà da attrice protagonista. E questo perché il 34enne attore londinese è “il campione in carica” della preziosa statuetta, conquistata nel 2015 per La teoria del tutto di James Marsh. Difficilmente bisserà a un solo anno di distanza, e per di più così giovane, ed è già sorprendente che l’Academy l’abbia candidato due anni consecutivamente, stavolta come protagonista di The Danish Girl di Tom Hooper: evidentemente il talento “mutante” di questo interprete è entrato nelle preferenze (e nel cuore) dei membri dell’accademia. Dopo essere entrato nelle pieghe del genio e della malattia del fisico Stephen Hawking, Redmayne si sdoppia nel ruolo del pittore danese Einar Wegener vissuto a inizio ‘900, che decise di diventare Lili Elbe, la prima transgender “operata” e contemplata dalla letteratura e poi dal cinema occidentali. Bellissimo sia come uomo che come donna, Eddie incanta con la sua grazie e la sua sensibilità nell’atto transformandi, che naturalmente gli è costato un delicato lavoro d’introspezione.

 

Oscar 2016, i fantastici dieci: da DiCaprio a Fassbender, ecco tutti gli attori in corsa per la statuetta

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mózes: le incompiutezze di un ragazzo e di un padre fantasma smemorato

prev
Articolo Successivo

Fuocoammare, Lampedusa vista con gli occhi di un bambino. Cioè i nostri

next