Leonardo DiCaprio

dicaprioAlla sua sesta nomination, il losangelino e 41enne DiCaprio, si è ridotto a rantolare in pelle d’orso sotto la guida di Alejandro G. Iñárritu nei panni di un Revenant – Redivivo per avvicinarsi il più possibile all’agognata statuetta. Non che dell’Oscar sembra importare troppo al talentuoso ex-eroe del Titanic: forse l’avrebbe già conquistato se si fosse maggiormente piegato ai favori di un’Academy old style. La sua prova come Hugh Glass (che riteniamo inferiore a quella espressa in The Wolf of Wall Street di Martin Scorsese) gli ha già assicurato Golden Globe, BAFTA e SAG Award, solo per citare i riconoscimenti più prestigiosi. Dato al 99% dei favori, la vera notizia arriverebbe se Leo non vincesse l’Oscar: a quel punto si potrebbe seriamente parlare di accanimento contro di lui.

 

 

Oscar 2016, i fantastici dieci: da DiCaprio a Fassbender, ecco tutti gli attori in corsa per la statuetta

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mózes: le incompiutezze di un ragazzo e di un padre fantasma smemorato

prev
Articolo Successivo

Fuocoammare, Lampedusa vista con gli occhi di un bambino. Cioè i nostri

next